ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Superlega: De Bruyne, 'è momento di riunirsi e trovare soluzione, la parola è competere'-Superlega: Briatore, 'attacco frontale alla Uefa, squadre indebitate per crisi covid'-Superlega: Briatore, 'attacco frontale alla Uefa, squadre indebitate per crisi covid' (2)-Vaccino Johnson & Johnson, verso uso per over 60 in Italia-**Superlega: Laporta e la clausula Barca, dentro solo se lo vogliono i soci'**-Grillo, legale indagato: "Sono innocenti, Bongiorno porti pure il video"-Copyright: Franceschini, 'grande opportunità per l’industria creativa italiana'-**Grillo: fonti Nazareno, 'posizione Letta forte, frasi inaccettabili, tutele per tutti'**-Omofobia: Malpezzi, 'Ostellari faccia bene il suo lavoro e calendarizzi il Ddl Zan'-Riaperture palestre in zona gialla da 1 giugno-Grillo: avvocato di un indagato, 'sono innocenti, Bongiorno porti quel video ma sono perplesso...'-Grillo: avvocato di un indagato, 'sono innocenti, Bongiorno porti quel video ma sono perplesso...' (2)-Copyright: Fieg, 'bene recepimento direttiva, ora rapido esercizio della delega'-Covid: bozza dl, pass verde vale 6 mesi per guariti e vaccinati, 48 ore con test-**Grillo: Marcucci, 'Conte? Lascia perplessi, nessuna vera presa di distanza di M5S'**-Grillo: Provenzano, 'aberrante, ma alleanza con M5s dipende da evoluzione con Conte'-**Sky: Ibarra si dimette, lascerà a fine luglio**-Covid: bozza dl, dal 1/7 in zona gialla ok terme, parchi tematici e lunapark-Covid: bozza dl, da 1/7 in zona gialla tornano fiere, convegni e congressi (2)-Covid: bozza dl, previste sanzioni per chi falsifica pass verde, anche carcere

È iniziata la conferenza sul clima di Parigi: le questioni sul tavolo

Condividi questo articolo:

L’obiettivo è contenere il surriscaldamento globale evitando un altro fallimento come nel 2009

Da oggi e fino all’11 dicembre si riuniscono a Parigi i rappresentanti di 196 paesi; si attendono quasi 50mila partecipanti, inclusi 25mila delegati ufficiali di governi, organizzazioni intergovernative, agenzie delle Nazioni Unite, Ong e società civile.

Si cercherà di ottenere un accordo globale sul clima dopo 20 anni di tentativi; l’obiettivo è contenere il surriscaldamento globale al di sotto dei 2 gradi centigradi. Il primo meeting cop si tenne nel 1995 a Berlino e la sfida, dopo tutti questi anni, è ancora la stessa. Ci auguriamo di non assistere a una disfatta come nel 2009, quando a Copenhagen il summit Onu si concluse senza nessun risultato concreto.

Tra gli scontri attesi quello tra i paese emergenti e quelli industrializzati. I primi rivendicano nei confronti delle potenze occidentale un maggior diritto ad inquinare, essendosi affacciati solo da poco tempo nel mondo industrializzato.

Altro punto che verrà affrontato è la scarsità di aiuti dei paesi ricchi per finanziare la conversione alle energie rinnovabili dei più poveri: nel 2009 vennero promessi 100 miliardi di dollari e ne mancano all’appello ancora 38.

‘I leader riuniti a Parigi non possono ignorare centinaia di migliaia di persone scese in strada in tutto il mondo per dire basta a petrolio, carbone e gas e chiedere un futuro 100 per cento rinnovabile’, spiega Luca Iacoboni, responsabile Campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. ‘La società civile si è mobilitata per spingere i governi a siglare un accordo ambizioso e vincolante che metta fine all’era dei combustibili fossili. Vedremo se la politica finalmente ascolterà i cittadini o continuerà a fare gli interessi delle lobby dei combustibili fossili’.

Questo articolo è stato letto 3 volte.

Conferenza sul clima, Cop21, parigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net