Difesa dell'ambiente, l'Onu potrebbe schierare i Caschi Verdi

Sempre più spesso inquinamento e cambiamento climatico mettono a rischio le risorse di molte popolazioni del mondo. Per questo le Nazioni Unite potrebbero invervenire direttamente a difesa dell'ambiente, e potrebbero farlo attravero un corpo specifico. Già si parla dei Caschi Verdi

La tutela dell’ambiente potrebbe presto provocare un intervento diretto da parte dell’Onu (Organizzazione della Nazioni Unite). E questo potrebbe avvenire attraverso l’istituzione di uno specifico corpo, quello che da alcuni è stato già ribattezzato dei “caschi verdi”.

L’ipotesi è trapelata proprio mercoledì scorso durante un incontro del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Alla base di tale possibile intervento, ci sarebbero le conseguenze legate ai cambiamenti climatici. Secondo quanto sostenuto, infatti, il riscaldamento globale che sta colpendo l’intero territorio terreste, contribuisce in maniera significativa alla riduzione o, in alcuni casi, all’estinzione, di risorse primarie fondamentali per la sopravvivenza. E nella fattispecie, proprio nei Paesi più poveri, o in via di sviluppo, tali condizioni di “scarsità di risorse” (come ad esempio l’acqua), è alla base dell’insorgenza anche di conflitti armati.

L’eventuale istituzione dei “caschi verdi” sarebbe quindi un modo per cercare di intervenire, in maniera diretta, da parte dell’Onu. Le Nazioni Unite, a tal proposito, interverrebbero a tutela della sicurezza proprio nelle zone più “a rischio”.

Al momento, quella dei “caschi verdi” (che richiamano quindi ai comuni “caschi blu” delle Nazioni Unite), costituisce soltanto un’ipotesi. Solamente nel prossimo futuro si potranno avere ulteriori sviluppi in merito: al momento, infatti, bisogna verificare la disponibilità degli Stati membri, ad attuare tali tipi di misure in merito alla “questione ambientale”.

(Valerio Giardinelli)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER