Arte e natura. Il Brooklyn Museum invita i visitatori a donare un fiore agli sconosciuti

Un centinaio di fiori che spuntano da un lunga lastra di granito, come se avessero le radici nella pietra. I visitatori sono invitati a coglierne uno per regalarlo ad uno sconociuto. Un gesto semplice ma profondo, un simbolo dei rapporti umani

Alla nuova mostra al Brooklyn Museum, i visitatori sono invitati a cogliere un fiore per donarlo ad uno sconosciuto. Un gesto semplice ma molto profondo in tempi di rapporti umani sempre più mediati e atomizzati.


L’opera d’arte è costituita da un pezzo di granito lungo 45 piedi con un centinaio di fiori freschi che sembrano mettere le radici e spuntare dalla pietra. Alla fine della giornata, saranno spariti tutti i fiori, colti e regalati.

Creato dall’artista di New York Lee Mingwei, l’opera è dedicata alla condivisione, ed ai buoni sentimenti che nascono da essa. Naturalmente, partendo dalla natura.
L’artista (di origine taiwanese) è stato ispirato dalla lettura del libro The Gift di Lewis Hyde, ed è stato toccato dal vedere centinaia di fiori galleggianti lungo un fiume a Lione. L’opera è già stato messa in mostra alla Biennale di Lione nel 2009 e ora sta facendo il suo debutto a New York, una città che ha bisogno di condivisione e cura in questi giorni.

Si chiama ’concettualismo sociale’. Mingwei crea eventi che mettono insieme gli estranei in modo semplice, rituali della vita quotidiana come mangiare, dormire, scrivere lettere e parlare tra di loro. Il suo primo progetto nel 1997, coinvolto convincere la gente alla Yale University di mangiare da solo con lui nel suo studio. In questi giorni di ristoranti pop-up e segreto, questo suona straordinariamente preveggente.

Un altro lavoro è stato il Progetto Guarigione nel 2009. In questo, i visitatori sono pregati di portare capi di abbigliamento che hanno bisogno di rammendo e sedersi con l’artista mentre rammenda i pezzi. Egli non nasconde gli strappi, invece si ricama tutti intorno a loro e li rende un punto focale. E ’un modo di celebrare il vecchio, piuttosto che l’usa e getta cultura di nuovo.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER