ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
A. Saudita: Boldrini, 'questo sarebbe Rinascimento?'-Governo: Casini, 'politica si attrezzi a governare o serviranno sempre salvatori Patria'-Governo: Casini, 'Draghi ha rimesso al centro la Protezione civile'-A.Saudita: Faraone, 'Renzi tace? miglior sordo non vuol sentire'-Fisco: Melilli (Pd), 'piena condivisione proroga rottamazione e saldo e stralcio'-Covid: Toccalini (Lega), 'per gruppo Cairo cittadini irresponsabili'-A.Saudita: Renzi, 'Di Battista? Diceva Trump meglio di Obama...'-Covid: Renzi, 'sconvolgente che molte dosi non siano state utilizzate'-A.Saudita: Renzi, 'giusto e necessario intrattenere rapporti'-A.Saudita: Renzi, 'ho sempre condannato vicenda Khashoggi e difeso giornalisti'-A.Saudita: Renzi, 'usata per coprire difficoltà alleanza che sta insieme solo contro avversario-A.Saudita: Renzi, 'mai avuto denari da governi stranieri'-Sanremo: Amadeus, 'non farlo sarebbe stato danno psicologico e perdita di patrimonio'-Sanremo: Amadeus, 'non farlo sarebbe stato danno psicologico e perdita di patrimonio' (2)-Covid: Meloni, 'da Conte 'lectio fallimentaris''-Fisco: Bernini (FI), 'bene stop cartelle e saldo e stralcio'-**A.Saudita: Quartapelle (Pd), 'Occidente si interroghi, affidabilità regimi è abbaglio'**-Palermo: definì le sorelle Napoli 'mafiose' ma il il pm vuole archiviare 'è diritto di critica' (2)-Palermo: definì le sorelle Napoli 'mafiose' ma il il pm vuole archiviare 'è diritto di critica' (3)-Palermo: definì le sorelle Napoli 'mafiose' ma il il pm vuole archiviare 'è diritto di critica' (4)

2 marzo: 119 anni fa venne scoperta la radioattività

Condividi questo articolo:

Accadeva nel lontano 2 marzo 1896: grazie alla scoperta di Antoine Henri Becquerel, si iniziò a parlare di radioattività

 

Era il 2 marzo 1896, esattamente 119 anni fa, quando Antoine Henri Becquerel scopriva la radioattività. Lo scienziato francese, che si avvicinò alla scienza sulle orme del padre e del nonno, si accorse per primo dell’esistenza di un fenomeno naturale che, se governato o indotto artificialmente, poteva essere una valida risorsa per la chimica e per la medicina. In caso contrario, veniva a costituire un pericolo letale per l’uomo.

A portare Becquerel a scoprire la radioattività è una scoperta precedente: quella dei raggi X nel 1895, da parte di Wilhelm Conrad Röntgen. Da questo momento il Nostro francese si dedicò a esperimenti sulle relazioni esistenti fra raggi X e fluorescenza. Partì osservando la fluorescenza dei minerali di uranio che, esposti alla luce solare, erano in grado di impressionare una lastra fotografica in carta nera, posta nelle vicinanze. Lo stesso fenomeno, scoprì lo scienziato, si era verificato con il cristallo e la lastra chiusi in un cassetto: la cosa era dovuta  alla presenza di radiazioni invisibili sui minerali di uranio.

Antoine Henri Becquerel comprese quindi che la radiazione era un evento naturale e non necessariamente indotto da una fonte di energia esterna, sia essa luce solare o altra fonte artificiale. Espose i risultati dei suoi studi all’Accademia francese delle Scienze, il 2 marzo del 1896. Una data importante: si inizio a parlare in Fisica di radioattività, originata dalla disintegrazione, spontanea o provocata, di un nucleo atomico con conseguente emissione di radiazioni elettromagnetiche. 

Un grande contributo alla scienza e alla medicina.

gc 

Questo articolo è stato letto 12 volte.

2 marzo, radioattività

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net