Le Nazioni Unite per il clima

L'ONU ha lanciato una nuova coalizione per occuparsi dei cambiamenti climatici

I leader dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dell'United Nations Environment Program (UNEP) hanno lanciato, insieme al World Meteorological Organization (WMO), una nuovissima coalizione per affrontare le conseguenze del cambiamento climatico e per cercare di prevenirne le cause. Ogni anno 12,6 milioni di persone muoiono a causa dei rischi ambientali, in particolare l'inquinamento atmosferico: l'obiettivo principale della coalizione è proprio quello di abbassare questo numero. 

Le tre organizzazioni lavorano già insieme, ma l'idea della nuova coalizione nasce per rafforzare le azioni di tutela della salute che devono essere messe in atto: l'unione ha già iniziato a parlare delle opportunità e delle sfide future. L'inquinamento atmosferico è sicuramente una di queste.

Circa sette milioni di persone muoiono prematuramente ogni anno a causa di malattie legate all'inquinamento atmosferico, come malattie respiratorie, cancro, malattie cardiache o ictus. Secondo l'ONU, in molte delle principali città del mondo l'inquinamento atmosferico è superiore agli standard di qualità dell'aria dell'OMS. Gli inquinanti che minacciano la salute umana contribuiscono anche al cambiamento climatico e danneggiano l'ambiente. Le Nazioni Unite hanno detto che abbassando quelle che vengono chiamate emissioni inquinanti climatiche di breve durata (provenienti da agricoltura, traffico, industria o fornelli, ad esempio), si potrebbe contribuire a ridurre il tasso di riscaldamento globale di circa 0,5°C entro il 2050 – secondo quanto riferito dall'ONU, le temperature medie nel 2017 sono state di di 1,1°C sopra i livelli preindustriali.

Una delle prime iniziative della coalizione sarà una conferenza, la Global Conference on Air Pollution and Health, che si svolgerà presso la sede dell'OMS a Ginevra, in Svizzera, dal 30 ottobre al 1° novembre del 2018.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER