Inquinamento killer: un milione di morti al mese secondo l’Oms

I dati preoccupanti dell'Organizzazione mondiale della sanità sulle conseguenze dell'inquinamento per la salute

L’ambiente dovrebbe essere la nostra ‘casa’ naturale, non il nostro peggior nemico. Invece lo abbiamo ridotto male. E la natura si vendica.

Aria inquinata, suolo inquinato, cambiamento climatico, radiazioni ultraviolette… ormai parlare dell’ambiente è un bollettino di guerra. Nel mondo ci sarebbero 12,6 milioni di morti ogni anno a causa dell’inquinamento.

Nel nostro continente, spiega l’Organizzazione mondiale della sanità, nel 2012, l'esposizione a fattori di rischio ambientale è stata fatale per 1,4 milioni di persone.

‘Un ambiente sano è alla base di una popolazione sana - spiega all’AdnKronos Flavia Bustreo, vicedirettore generale dell'Oms per la Salute della famiglia, delle donne e dei bambini - Se i Paesi non intraprendono al più presto azioni volte a ridurre l'inquinamento e migliorare le condizioni dell’ambiente in cui si vive e si lavora, in milioni continueranno ad ammalarsi e a morire prematuramente’

I più esposti all’inquinamento sono i bimbi sotto i 5 anni e gli adulti tra i 50 e i 75 anni. I più piccoli sono in pericolo soprattutto per infezioni delle basse vie respiratorie e malattie diarroiche mentre negli anziani crescono diverse patologie non trasmissibili.

In Lombardia c’è l’aria peggiore d’Europa.

 

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER