In UK le auto elettriche da sole non bastano

Secondo un nuovo rapporto del Regno Unito, bisogna iniziare a usare anche le bici

Un recente rapporto del comitato scientifico e tecnologico della Camera dei Comuni britannica ha esaminato le tecnologie necessarie per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni del Regno Unito ed ha riportato delle conclusioni molto interessanti per tutti noi.
A quanto pare, nel lungo periodo, avere dei veicoli di proprietà, a uso individuale, non potrà essere compatibile con la decarbonizzazione.

Secondo questo studio, infatti, il settore dei trasporti, che è importante per tutti, nel Regno Unito è il settore maggiormente responsabile delle emissioni e quindi il governo dovrebbe anticipare il divieto di vendita di nuove auto e furgoni convenzionali proposto a partire dal 2035. Ma non solo, accanto all'eliminazione del commercio delle auto, che cancella anche le emissioni associate alla fabbricazione dei veicoli, il governo dovrebbe anche sviluppare una strategia per stimolare un sistema di trasporto a basse emissioni, con metriche e obiettivi precisi.

Per ridurre il numero dei veicoli richiesti, si dovrebbe poi promuovere e migliorare il trasporto pubblico, incoraggiandone l'uso al posto dell'auto privata e, non ultimo, si dovrebbe supportare la possibilità di camminare e di usare le biciclette, con incentivi e sviluppo di infrastrutture a sostegno.
La cosa che stupisce del rapporto è che è poco confortante per quanto riguarda i veicoli elettrici, sia le bici che le auto, perché sostiene che i rari minerali richiesti per le batterie dei veicoli elettrici si stanno esaurendo rapidamente – e che, oltretutto, quelle risorse provengono da paesi instabili, che sfruttano la manodopera in maniere non chiare.

Quindi, che si sia d'accordo o no, quello che la Camera dei Comuni ci vuole dire è che ci dobbiamo impegnare di più, più dei veicoli ibridi e più degli elettrici. È chiaro che, anche se parlano per la popolazione inglese, quello che dicono vale anche per tutti gli altri.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER