In Giappone torna la caccia alla balene

Nonostante tutte le condanne ambientaliste, i giapponesi sostengono che l'industria baleniera faccia parte della loro tradizione

Le prime navi sono salpate, dopo quasi trent'anni: è così che il Giappone ha ufficialmente rilanciato la sua industria di caccia commerciale alle balene. I difensori dei diritti degli animali e della conservazione marina hanno condannato questa mossa, affermando che si tratta di una pratica pericolosa sia per le balene che per gli ecosistemi marini, ma i giapponesi sostengono che è una parte tradizionale della loro cultura e che si farà in modo da non farle avere un impatto negativo sulle popolazioni delle balene.

La prima nave è tornata con una balenottera minore lunga quasi 8 metri, ma le navi hanno anche preso delle berardio boreale, delle balenottere boreali e delle balenottere di Bryde.
In totale, l'Agenzia di pesca giapponese permetterà a 227 balene di essere massacrate e vendute legalmente ai ristoranti e ai mercati.

Secondo quanto riportato in un articolo pubblicato su Reuters, le balene costituiscono lo 0,1% del consumo totale di carne in Giappone e l'industria sostiene solo circa 300 posti di lavoro. In sostanza, numeri molto piccoli.

Sebbene, però, sia apparentemente insignificante come riserva alimentare, a quanto pare ha un'importanza culturale per molti giapponesi che sono cresciuti mangiando la balena.
Gran parte dello slancio per il rilancio di questa pratica è stato sostenuto dal primo ministro, che ha ricevuto un considerevole sostegno elettorale da parte degli elettori di una città specializzata nella caccia alle balene. Quindi, si torna indietro, senza battere ciglio.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER