Premio scuola di Atene: regalare ai giovani la speranza di un futuro

Condividi questo articolo:

Si e’ tenuto ieri il premio Scuola di Atene, che ha premiato la ricerca e lo studio la tesi di dottorato in economia di una giovane ragazza dell’Universita’ Ca’ Foscari di Venezia

Cultura, economia, progresso e sviluppo: sono stati questi i temi chiave affrontati ieri sera alla prima edizione del Premio ‘Scuola di Atene’, tenutosi a Roma, presso la Croce Rossa Italiana, nella Sala Palasciano e organizzato dall’Associazione ‘Scuola di Atene’. Il premio ha visto protagonisti gli studi di economia, premiando la tesi di dottorato  ‘Tecniche di controllo della contrattazione standardizzata fra imprese e consumatori e fra imprese. Le camere di commercio e il mercato’, realizzata dalla dottoressa Posmon Elisabetta presso l’università Ca’Foscari di Venezia.

La prima edizione del premio ‘Scuola di Atene’, una edizione pilota che vuole essere la prima di una lunga serie, si è proposta di premiare uno dei lavori conclusivi di dottorati di ricerca realizzati nel 2012 presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e l’Università del Salento di Lecce. Tutti gli elaborati pervenuti tramite segnalazione dei rettori dell’Università sono stati studiati e analizzati da una apposita commissione, composta dal Dottor Alessandro Beulcke, dalla Professoressa Giuseppina Capaldo, dal Professor Carlo Erminero, dalla Dottoressa Costanza Rizzacasa D’Orsogna e dal Professore Michele Petrocelli. ‘Siamo rimasti stupiti della valutazione unanime avuta sulle tesi di dottorato: tutti i commissari hanno indicato la tesi della dottoressa Posmon come la più innovativa, nonostante tutti avessero letto le tesi per proprio conto’ ha dichiarato la dottoressa Maria Carone, Direttore generale dell’Istat e ideatrice e sostenitrice dell’evento. La dottoressa Carone ha poi aggiunto ‘Mi auguro che questa sia solo la prima di una lunga serie di premi dedicati ai giovani e alla cultura. Abbiamo voluto premiare le tesi di dottorato e non delle tesi di Laurea perché la nostra Associazione crede nella ricerca e vuole incentivare i giovani allo studio e all’innovazione’.

Dello stesso parere della dottoressa Carone è anche Carolina Botti, del direttivo dell’Associazione, che ha dichiarato ‘Con questo evento abbiamo voluto avvicinate la nostra Associazione ai giovani, premiando il merito e l’impegno nella ricerca. Auspico che gli anni successivi l’iniziativa abbia contorni più ampi e possa coinvolgere un numero di università maggiori’.

L’evento a cui ha dato vita la Scuola di Atene ha raggiunto pianamente i suoi obiettivi: si è parlato di economia, cultura e sviluppo, ma soprattutto il premio in denaro ha regalato, in tempo di crisi, una piccola speranza ad una giovane ragazza, che potrebbe continuare gli studi e contribuire alla ripresa economica e sociale dell’Italia. Al prossimo anno, quindi, per premiare un altro ricercatore giovane e regalare ai giovani la fede nella ricerca e nello studio: ‘il prossimo anno l’evento si ripeterà, l’Associazione intende proseguire la sua azione di rinnovamento’, ha rassicurato il Presidente dell’Associazione Giovanni Cossiga.

(gc) 

Questo articolo è stato letto 5 volte.

economia, Premio Scuola di Atene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net