Prodotti naturali contro la leishmaniosi

Contro la leishmaniosi nei cani, una lista di principi naturali

Secondo una revisione dei potenziali trattamenti per la leishmaniosi canina, sarebbero cinque i composti terapeutici naturali, utili a contrastare la malattia: l'esperidina, l'estratto di ippocastano, la quercetina, il selenio e la vitamina C.

Lo studio è stato condotto da un team dell'Università di Pisa ed è stato recentemente pubblicato sull'American Journal of Animal and Veterinary Sciences. 

L'esperidina è un flavonoide molto comune negli agrumi, come i limoni e le arance. È noto per la sua capacità di bloccare l'infezione e la replicazione di microrganismi animali e vegetali.

I semi dell'ippocastano (Aesculus hippocastanum) contengono invece una saponina che può uccidere gli amastigoti della Leishmania infantum. Ha, inoltre, una forte attività antiossidante, un tratto comune agli altri principi naturali.

La quercetina è un flavonoide estratto dal grano saraceno (Fagopyrum esculentum). Gli alti livelli di antiossidante naturale che contiene sono capaci di uccidere la Leishmania donovani e la Leishmania amazonensis nelle loro fasi amastigote.

Il selenio è un micronutriente e svolge molte funzioni. Gli ioni di selenio non solo fermano la crescita delle cellule tumorali e dei virus, ma rafforzano anche il sistema immunitario contro vari batteri e virus patogeni.

La vitamina C non aggredisce direttamente i parassiti della Leishmania, ma previene il danno ossidativo connesso alla malattia. Viene spesso somministrata insieme alla quercetina e alla esperidina, per migliorare l'efficacia dei flavonoidi.

Serviranno ulteriori studi dedicati al rapporto tra la leshmaniosi e questi principi attivi naturali, ma quanto emerso è già molto confortante.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER