ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

E se le navi imparassero ad ascoltare quello che dicono le balene?

Condividi questo articolo:

Possiamo insegnare alle navi come parlare il linguaggio delle balene

Un team di scienziati ha una nuova idea su come salvare le balene blu in migrazione dalle pericolose collisioni con le navi: imparare ad ascoltarle.

I ricercatori hanno scoperto che c’è un netto cambiamento nel canto della balenottera azzurra appena prima che inizi la sua migrazione annuale verso sud, come riporta la rivista Popular Science.

Prestando attenzione a questi cambiamenti, dicono gli scienziati della Stanford University, si potrebbe essere in grado di mettere in guardia gli operatori navali nell’area della migrazione imminente.

Le balene blu sono estive nella regione nord-orientale dell’Oceano Pacifico, ma in autunno viaggiano verso la costa dell’America centrale dove si riproducono e aspettano il freddo.

Secondo la ricerca fatta dal team e pubblicata sulla rivista Current Biology, le balene cantano di notte, ma passano a un canto diurno appena prima dell’inizio della loro migrazione.

“C’è un segnale quasi in tempo reale di ciò che questi animali stanno facendo in un habitat che storicamente è stato davvero difficile da osservare”, ha detto a Popular Science il biologo di Stanford e coautore dello studio William Oestreich.

Avere un preavviso sarebbe fantastico sia per le balene che per le barche nelle aree, poiché le collisioni possono essere un problema per entrambe – possono essere distruttive per le navi e fatali per i mammiferi giganti.

“Questo potrebbe essere un pezzo del puzzle per gestire in modo più dinamico quegli habitat e le rotte di navigazione in un modo che consenta di continuare la navigazione”, ha detto Oestreich. “Ma anche in un modo sicuro per queste popolazioni di balene“.

 

Questo articolo è stato letto 16 volte.

balene, barche, collisioni, comunicazione

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net