Acqua inquinata e velenosa per 700 mila persone

Una relazione dell’Istituto superiore di Sanita’ denuncia che i veleni della discarica Bussi hanno contaminato per anni l’acqua servita anche ad ospedali e scuole

 

 

‘L'acqua contaminata è stata distribuita in un vasto territorio e a circa 700 mila persone senza controllo e persino a ospedali e scuole’: è questo quanto viene affermato nella relazione dell'Istituto Superiore di sanità che ha analizzato per l'Avvocatura dello Stato le acque contaminate dalla mega discarica di veleni tossici nel pescarese. ‘La qualità dell'acqua è stata indiscutibilmente significativamente e persistentemente compromessa’, si legge ancora nella Relazione dell'ISS depositata agli atti del processo di Chieti dove sono sotto processo i vertici di Montedison e Solvay con oltre 20 indagati dopo l'inchiesta del Corpo Forestale. L’acqua contaminata è dovuta allo ‘svolgersi di attività industriali di straordinario impatto ambientale in aree ad alto rischio per la falda acquifera e per le azioni incontrollate di sversamento’. 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER