Vegetariani nella storia/5 Mahatma Gandhi era vegetariano

Anche Gandhi era vegetariano. La sua scelta era etica e religiosa: Gandhi considerava gli uomini e gli animali creature di Dio, da rispettare allo stesso modo

Anche Mahatma Gandhi era vegetariano. Anzi, a dire il vero, era un vegano, dalla sua dieta escludeva anche latte e derivati animali. Gandhi era vegetariano per scelta etica e religiosa e considerava la vita di un agnello non meno preziosa di quella di un essere umano. Si dedicò al vegetarianismo non solo prodigandosi, nella sua dieta, ad escludere le carni, ma anche con scritti e libri in cui spiega, afferma e sostiene la sua scelta.

Ne ‘La Base Morale del Vegetarismo’, per esempio, Mahatma Gandhi sostiene che ‘La grandezza di una nazione e il suo progresso morale possono essere giudicati dal modo in cui vengono trattati gli animali’. La violenza sugli animali, il loro sfruttamento e la macellazione di essi erano simbolo, per Gandhi, di assenza di sensibilità e rispetto, di morale e di pace. Secondo Gandhi sia gli uomini, sia gli animali, infatti, sono creature di Dio e in quanto tali vanno rispettate allo stesso modo.

Ed è per questo che Gandhi era un vegetariano rigoroso, un vegano, che sperimentò, nel corso della sua vita, svariate diete alla ricerca di un'alimentazione sufficiente a soddisfare i fabbisogni corporei. In seguito a delle malattie fu più volte sollecitato a bere il latte, e Gandhi parla di questo come se fosse la tragedia della sua vita.

 

(GC) 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER