ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Intesa Sanpaolo: grande successo per Emba Academy per le imprese-Tacconi: "Maradona resta leggenda, fiero di aver subito quel gol da lui"-M5S: emendamento a manovra per tassare e-cigarette, è corsa a firmarlo-M5S: emendamento a manovra per tassare e-cigarette, è corsa a firmarlo (3)-G20: Gualtieri, 'vogliamo rilanciare tema digital tax'-Ue: Gualtieri, 'con Francia collaborazione per implementazione recovery'-Manovra: Conte, 'voto su scostamento ottimo segnale, dialogo prosegua'-Coronavirus, l'indagine, 86% italiani promuove modello universalistico Ssn-Manovra: 552 sì a Camera a testo maggioranza su scostamento, no contrari (2)-Scaccabarozzi: 'Su vaccino corsa non tra aziende ma contro tempo'-Alluvione a Crotone: l'imprenditrice Turrà, "Milioni di danni al territorio, non dimenticateci"-Lusso: Lunelli (Altagamma), 'in Italia mancano campioni nazionali, auspicabili aggregazioni'-"La chiamavano maternità": Racconto semiserio per mamme imperfette-A2A: accordo di cooperazione con Ardian per sviluppo idrogeno verde-Mes: M5S, 'finché saremo in maggioranza non sarà usato, no a operazioni di Palazzo'-Formazienda, 10 milioni di euro per formare risorse umane-Turismo: Lunelli (Altagamma), 'portare in Italia quello di alto livello'-Lusso: Lunelli (Altagamma), 'Europa può essere protagonista, governo sostenga imprese'-Alluvione a Crotone: l'imprenditrice Turrà, "Milioni di danni al territorio, non dimenticateci"-Lusso: Lunelli (Altagamma), 'e-commerce peserà per 30% vendite nel 2025'

Pesca, il settore risente della crisi e i pescatori attendono risposte

Condividi questo articolo:

Sono diversi i problemi che affliggono il settore della pesca. Gli addetti ai lavori soffrono ancora di più per una crisi da tempo irrisolta. Bisogna cambiare rotta e adottare politiche stabili di sviluppo

Italia, popolo di santi, navigatori e… pescatori. Sì, perché il nostro Paese basa gran parte della sua economia sul mare, essendo praticamente “immerso” nel Mediterraneo. Ma il comparto, così come quello agricolo, presenta numerose criticità: i problemi del commercio del pescato, le limitazioni, i divieti e le regole che vengono concordate (talvolta imposte) con l’Unione europea. I pescatori soffrono la concorrenza – manco a dirlo – dei Paesi esteri e hanno bisogno di sostegno, soprattutto economico. Necessitano, inoltre, di una linea politica che guidi il comparto e permetta al settore di crescere.

 

Di tutte queste problematiche si discute quando i nostri Ministri vanno a Bruxelles per incontrare il Commissario europeo di riferimento, in questo caso la titolare degli Affari marittimi e della Pesca, la greca Maria Damanaki. Ieri il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania, l’ha incontrata per fare il punto della situazione. Soprattutto, però, i due si sono visti per discutere della Pcp, la Politica comune della pesca. In pratica la normativa comunitaria generale in attesa di essere riformata. Così come accaduto per la Pac, la Politica agricola comune, anche per la pesca si partirà con una fase di trattative. La leva su cui fa forza l’Italia per scongiurare il rischio – soprattutto a causa di ipotetici minori contributi che arrivano da Bruxelles a Roma – di vedere danneggiata la propria filiera della pesca è quella della specificità del proprio territorio e del proprio pescato: come le altre produzioni anche quella del pesce va tutelata, visto che mira a standard qualitativi molto elevati e a produzioni super-controllate.

Inoltre, la questione su cui l’Italia insiste riguarda gli aiuti europei per sostenere il “fermo-pesca”, lo stop forzato alle attività in mare per permettere alla fauna e alla flora ittiche di ripristinare condizioni ottimali. I pescatori attendono fiduciosi. Del resto l’Italia non può proprio permettersi di lasciarli indietro.

Giacomo Gallo

Questo articolo è stato letto 3 volte.

bruxelles, catania, Damanaki, mercato ittico, pesca, Ue

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net