I 7 cibi che potrebbero causare gonfiore

Condividi questo articolo:

Gonfiore addominale? Facciamo caso a questi cibi e limitiamone il consumo

Sentirsi sazi è una bella cosa, sentirsi gonfi molto meno. Significa che c’è qualcosa che non va: troppo gas? Cattiva digestione? O c’è qualche problema più serio?

Ovviamente la cosa varia da caso a caso, e se il fenomeno è persistente dobbiamo consultare un medico.

Comunque, se soffriamo di gonfiore, dovremmo fare particolare attenzione a questi cibi:

  1. Fagioli: sono un cibo ottimo ma contengono alcuni zuccheri che possono fermentare a causa della flora batterica intestinale. Ma se non vi causano problemi ecco 7 ragioni per mangiare i fagioli.
  2. Bibite gassate: gonfiano perché contengono anidride carbonica. Meglio bere acqua.
  3. Crocifere: parliamo di broccoli, cavoli, cavoletti… Sono tra le verdure migliori in circolazione, specie se mangiate crude, ma per alcuni possono risultare ‘pericolose’ per quanto riguarda il gonfiore. Un buon sostituto, se vogliamo evitare il gonfiore sono gli spinaci.
  4. Cipolle: contengono fibre solubili che in alcuni casi provocano gonfiore. Meglio cuocerle per evitare questo effetto.
  5. Latticini: molte persone sono intolleranti al lattosio. In questo caso meglio puntare su latte di cocco, di mandorla, soya o riso.
  6. Aglio: è ottimo per la nostra salute, ma come la cipolla può dare dei problemi di gonfiore. Meglio cotto.
  7. Birra: è gasata e fermentata e per questo gonfia. Meglio bene acqua se vogliamo andare sul sicuro.

 

Questo articolo è stato letto 10 volte.

cibi, digestione, gonfiore addominale, stomaco

Comment

  • … [Trackback]

    […] There you will find 19727 additional Information to that Topic: ecoseven.net/alimentazione/news-alimentazione/i-7-cibi-che-potrebbero-causare-gonfiore/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net