ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fase 3: si allungano tempi, verso Stati generali mercoledì a Villa Pamphili (2)-Fase 3: rapporto task force Colao nel weekend consegnato a Conte-Randstad, formati in 1.500 rimasti disoccupati durante emergenza-Fase3: fonti maggioranza, 'tensione Franceschini-Conte su stati generali'-Fase3: fonti maggioranza, 'tensione Franceschini-Conte su stati generali' (2)-**Fase 3: si allungano tempi, verso Stati generali mercoledì a Villa Pamphili**-Governo: sondaggio Ipsos, alta fiducia in Conte e nel governo, Lega primo partito-L’innovazione applicata a informazione ed educazione: Andrea Scanzi e Paolo Crepet ospiti sul Mainstage del WMF online nella giornata inaugurale-Coronavirus: Baffi si dimette da Commissione inchiesta Lombardia (2)-Fase 3: ecco lettera Conte-Sanchez a Ue, criteri a frontiere uguali per tutti-Fase 3: Conte, 'su confini Ue criteri condivisi per ritorno normalità'-Aids, diagnosi precoce e qualità della vita: a caccia di sviluppatori per soluzioni innovative-Bombardier: taglierà 2.500 posti di lavoro, pesa emergenza Covid-**Coronavirus: Baffi si dimette da Commissione inchiesta Lombardia**-Varese: spintoni e sberle all'asilo, 5 maestre indagate a Busto Arsizio-**Governo: Conte concentrato su ripresa, mai pensato a suppletive Senato**-Coronavirus: Gori, 'gesto di affetto presenza Mattarella a Bergamo il 28 giugno'-Coronavirus: Mattarella il 28 giugno a Bergamo per commemorazione vittime-Al via giovedì Forum della Comunicazione, asset anti-Covid-Coop, marzo-aprile +5% vendite ma ipermercati - 11%

Ecco perché non riusciamo a smettere di mangiare le patatine in busta

Condividi questo articolo:

È il sale che ci fa venire l’acquolina in bocca

Avete presente quando apriamo un sacchetto di patatine in busta e non riusciamo a smettere di mangiarle? Una patatina tira l’altra, impossibile metterne in bocca solo un paio…

Il ‘trucco’ delle patatine è la grande quantità di sale presente. Lo spiega uno studio australiano condotto dai ricercatori dell’università di Deakin e pubblicato su Journal of Nutrtition.

È il sale che ci spinge a mangiare tanto e che in media ci fa assumere l’11% di calorie in più. Quindi la colpa non va cercata nei cibi grassi: il ‘colpevole’ delle tentazioni è il sale e lo dimostrerebbe il fatto che i famigerati cibi grassi sono sempre ricchi anche di sale e/o zucchero.

Se volete uno snack sano forse dovreste farvi venire in mente qualcos’ altro: le patine fritte sono grasse e forse cancerogene

Alle persone protagoniste della ricerca, 48 in tutto, per un mese è stato presentato un piatto di pasta apparentemente sempre uguale. Cioè che cambiava in realtà era il contenuto di di sale e/o grassi. 

Dopo ogni pasto i ricercatori appuntavano le reazioni delle persone coinvolte secondo i seguenti parametri: piacere, fame, sazietà.

L’esito della ricerca ha rivelato che l’aggiunta di sale ai piatti fa aumentare il senso di piacere e anche la fame e questo spingeva le persone a mangiare di più, circa l’11%.

Inutile dire che le patatine fritte non sono un cibo così sano e che con il sale bisogna sempre andare cauti a prescindere.

Ecco le tre principali alternative al sale da cucina: sono buone e salutari.

Questo articolo è stato letto 14 volte.

acquolina in bocca, alimentazione, fritti, patatine, ricerca, sale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net