Autunno: e’ tempo di raccolta dei funghi. 10 regole contro avvelenamento

 

E’ tempo di scampagnate nei boschi alla ricerca dei funghi. Ecco le 10 regole da rispettare per evitare l’avvelenamento

 

E’ iniziata la stagione dei funghi, delle lunghe passeggiate in cerca del prelibato cibo da portare in tavola, degli stivali di gomma ai piedi e dei cestini alla mano per raccoglierne il più possibile. Ma anche, purtroppo, la stagione degli intossica menti e degli avvelenamenti. Due persone a Corigliano (nel Cosentino), infatti, sono morte ed altre due sono ricoverate in gravi condizioni in ospedale per avere mangiato funghi velenosi scambiandoli per commestibili.

Non vogliamo di certo spaventarvi, né consigliarvi di evitare la raccolta di funghi, che se si rispettano alcune regole, può essere divertente e abbondante. Per raccogliere i funghi in tutta sicurezza e assaporare i gusti della terra in estrema tranquillità, il Ministero della Salute consiglia di far controllare i funghi da un esperto micologo, a disposizione nelle Asl gratuitamente.  Due anni fa, il Ministero, aveva redatto un opuscolo in cui sfata anche alcuni miti noti nella tradizione popolare: non è vero che tutti i funghi che crescono sugli alberi non sono tossici, non è vero che sono buoni se sono stati mangiati da parassiti, non è vero che diventano velenosi se cresciuti vicino a ferri arrugginiti, non è vero che sono velenosi i funghi che cambiano colore al taglio e non è vero che la velenosità del fungo è data dall’aspetto. 

Perché una scampagnata per raccogliere i funghi non si trasformi in una tragedia bisogna osservare attentamente le seguenti regole:

1. Non consumare funghi non controllati da un vero micologo

2. Consumare quantità moderate

3.  Non somministrare ai bambini

4.  Non ingerire in gravidanza

5. Consumare solo in perfetto stato di conservazione

6. Consumare i funghi ben cotti e masticare correttamente

7. Sbollentare i funghi prima del congelamento e consumarli entro 6 mesi

8. Non consumare funghi raccolti lungo le strade, vicino a centri industriali e coltivati (pesticidi)

9. Non regalare i funghi raccolti, se non controllati da un micologo professionista

10. Nei funghi sottolio si può sviluppare la tossina botulinica

 

gc

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER