ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Successo per 'Piantiamola di inquinare!' di Bper, tagliate 12 ton di CO2-**Corruzione: Montante, 'accessi abusivi li faceva fare Cicero, non io'**-Giornata internazionale delle persone con disabilità, Airbnb diventa sempre più accessibile-Manovra: Berlusconi, 'ok misure riduzione fiscale, impulso a crescita'-Corruzione: Montante, 'maggiore Gdf non mi chiese assunzione di un familiare'-Fisco: Tajani, 'contributo solidarietà? Se è patrimoniale non siamo d'accordo'-**Centrodestra: Tajani, 'voto segreto ieri in Senato? Fi non ha mai votato con sinistra'**-Quirinale: Prodi, 'io al Colle? Una sfida alla provvidenza'-Fisco: fonti, 'governo valuta contributo solidarietà per redditi oltre 75mila euro' (2)-Centrodestra: Berlusconi, 'serve sistema bipolare con centro forte'-Ue: Berlusconi, 'valori Europa sono riferimento centrodestra di governo'-Centrodestra: La Russa, 'ieri abbiamo votato con sinistra? Lega lo fa tutti i giorni da governo'-Corruzione: Montante, 'colonnello Gdf non mi chiese assunzione figlia, lo seppi solo dopo'-Covid: Berlusconi, 'Italia esempio Paesi Ue come riconosciuto da Merkel, ma tenere alta guardia'-Disabilità: Fico, 'pieni e uguali diritti e dignità, molto da fare per società aperta'-**Centrodestra: Berlusconi a Cesa, 'vocazione Udc è costruire area centro affine a quella di Fi'**-**Governo: Berlusconi insiste, 'Draghi deve andare avanti tempo necessario, fino al 2023'**-Governo: al via Cdm a P.Chigi-Manovra: M5S, 'pronto emendamento che cancella tetto Isee superbonus'-I minatori del terzo millennio nell'infrastruttura più grande del Paese

Anche l’ebola può essere sconfitta

Condividi questo articolo:

Scoperto il punto debole dell’ebola: al via lo studio di nuovi farmaci

 

Anche l’ebola può essere sconfitta. Anche la forte epidemia che ha colpito l’Africa, allarmando il mondo intero, ha un suo punto debole: si tratta del fatto che la malattia deve necessariamente forzare ‘un lucchetto’ per entrare nelle cellule e infettarle. La soluzione, almeno parole, quindi è semplice: bloccare la serratura. La scoperta è stata realizzata dall’Istituto di ricerca medica per le malattie infettive dell’esercito degli Stati Uniti, in collaborazione con l’Albert Einstein College of Medicine dell’Università Yeshiva a New York.

 

La scoperta non è certo la soluzione, ma può essere un buon punto di partenza perchè si studi lo sviluppo di nuovi farmaci non più mirati al virus, bensì alle cellule dell’ospite. È necessario sapere, infatti, che ‘quando il virus Ebola aggredisce una cellula, lo fa attaccandosi alla sua membrana esterna: questa lo avvolge in una bolla che viene poi inglobata all’interno della cellula diventando una specie di sacchetto della spazzatura pronto ad essere trasportato negli organelli che funzionano da inceneritori, i cosiddetti lisosomi. Per salvarsi dalla distruzione, il virus tenta quindi di evadere dalla bolla membranosa che lo intrappola: lo fa forzando un lucchetto, ovvero la proteina di membrana Niemann-Pick C1 (NPC1), che gli apre la strada verso il citoplasma, la sostanza gelatinosa posta fra la membrana e il nucleo della cellula. Una volta rifugiatosi qui, il virus Ebola è libero di replicarsi, scatenando l’infezione vera e propria’, viene spiegato sull’Ansa.

gc

Questo articolo è stato letto 9 volte.

ebola, ebola malattia, farmaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net