ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Giustizia: Bazoli, 'Costa eviti polemiche inutili'-Legambiente: "Progetto di Webuild importante, augurio inizi politica Usa investimenti ferroviari"-Realacci: "Bene competenze italiane nella competizione sui trasporti"-Morelli: "Made in Italy ambasciatore mobilità sostenibile oltreoceano"-Europei: Italie e Austria non faranno rifinitura a Wembley-Motomondiale: VR46 sarà team satellite Ducati dal 2022-**Calcio: Totti, 'Mourinho? Abbiamo preso l'allenatore più forte al mondo'**-**Calcio: Totti, 'un ruolo nella Roma? Non ho parlato con nessuno, telefono è spento'**-Tv: 'Serie', 'Investigation', 'Documentaries' e 'Nature', da luglio i nuovi canali Sky-Tv: 'Serie', 'Investigation', 'Documentaries' e 'Nature', da luglio i nuovi canali Sky (3)-Tv: 'Serie', 'Investigation', 'Documentaries' e 'Nature', da luglio i nuovi canali Sky (5)-Tv: 'Serie', 'Investigation', 'Documentaries' e 'Nature', da luglio i nuovi canali Sky (7)-Roma: Cirinnà, 'io vicesindaco? Sono formica a disposizione del formicaio'-Consorzio tutela mozzarella bufala campana, tutela e vigilanza in primo piano-Lo scrittore de Giovanni: "Mozzarella di bufala campana è esperienza sensoriale"-**Europei: Totti, 'è tanto che non si vince, penso che questo possa essere l'anno giusto'**-**Arte: Sgarbi, 'quadro de Boulogne? Era copia non mia, mi attaccano per candidatura'**-Terrorismo: la legale degli ex br Terrel, 'carenza di informazioni in dossier italiani'-Terrorismo: la legale degli ex br Terrel, 'carenza di informazioni in dossier italiani' (2)-Terrorismo: la legale degli ex br Terrel, 'carenza di informazioni in dossier italiani' (3)

Allergie: pollini impazziti, colpa di clima e smog

Condividi questo articolo:

In questa primavera, gli italiani devono fare i conti con una concentrazione di polline superiore alla media. Colpa del clima e dello smog

 

Allergie impazzite negli ultimi anni. È colpa del clima e dello smog, che portano a far variare la presenza, al rialzo, di polline nell’aria. A dirlo sono i  dati dell’Associazione Italiana di Aerobiologia, secondo cui questa, per i pollini, è un’annata di boom con valori molto sopra la media.

A dire il vero, però, ‘In Italia è molto difficile sintetizzare quando si parla di pollini, nel nostro paese ci sono aree profondamente diverse dal punto di vista del clima e della vegetazione. Qualche tendenza generale però si può vedere, e la principale è che le stagioni polliniche sono ‘impazzite’ da alcuni anni a questa parte. Uno dei principali responsabili è il clima, con inverni più caldi della media e forte piovosità che tendono a favorire la formazione dei pollini. Anche l’inquinamento ha effetti quali/quantitativi. Inoltre, alcuni studi mettono in evidenza che la CO2 favorisce l’aumento dei pollini prodotti, con maggiore capacità da parte di essi di liberare allergeni’, spiega Roberto Albertini, presidente dell’associazione e allergologo del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Parma.

 

Certo è che l’anno che stiamo vivendo è uno dei peggiori per quello che concerne starnuti, lacrime e tosse primaverili. A sottolinearlo è anche Albertini, biologo presso la struttura di Clinica ed Immunologia Medica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma: ‘Al nord si è passati da 800 pollini totali per metro cubo di media dei giorni di picco a quasi 1200, mentre al sud da 450 a 600. In particolare, i pollini di cupressacee hanno avuto una forte crescita, soprattutto al nord, mentre le platanacee, che al nord sono risultate in calo e con un ritardo del picco pollinico, al centro e al sud hanno visto un aumento dei pollini e un anticipo della stagione. Per il nord, annata eccezionale anche per i pollini di Frassino (oleacee) con un aumento del picco oltre la media di quasi 6 volte. In questo periodo l’attenzione è puntata sulle graminacee, soprattutto al nord, e sulle urticacee che di solito hanno le concentrazioni maggiori in maggio’, precisa Albertini.

Non solo: l’Italia oltre a clima e smog, fa i conti anche  con nuovi pollini. ‘Un esempio di polline ‘alieno’ è quello di ambrosia, pianta che si è diffusa negli ultimi decenni in Lombardia fino a diventare, in alcune zone, la prima/seconda causa di allergie – spiega Albertini -, ma che si sta diffondendo in tutto il nord e non solo. Oltre a questa abbiamo sempre maggiori segnalazioni di allergie alla betulla, che è tipica del nord Europa, e all’olivo, piante sempre più diffuse anche come piante ornamentali, i cui pollini possono scatenare reazioni allergiche’.

gc

Questo articolo è stato letto 18 volte.

allergie, polline, pollini impazziti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net