Il caffè potrebbe davvero aiutare nella perdita di peso?

Secondo una nuova ricerca, la caffeina stimola un tipo di grasso che brucia calorie

Secondo uno studio recentemente pubblicato su Scientific Reports, il caffè potrebbe aiutare a dimagrire. Come? In pratica, la bevanda mattutina per eccellenza stimola il tessuto adiposo bruno (TAB) del corpo umano, una forma di grasso che genera un calore che brucia letteralmente calorie in un processo chiamato termogenesi.

Si tratta del primo studio fatto sugli esseri umani in questo senso e le potenziali implicazioni sono molto importanti, visto che oltre ad affrontare la piaga dell'obesità potrebbero aiutare a combattere anche la crescente epidemia di diabete.
Gli scienziati del team che si è occupato della ricerca, capeggiato da Michael Symonds della University of Nottingham, hanno spiegato che si è lungamente pensato che il termogenico TAB esistesse solo nei neonati umani o negli animali in letargo, come gli orsi; ma negli ultimi anni è stato scoperto anche negli adulti – distinto dalle cellule di grasso bianche, che è dove il corpo immagazzina le calorie in eccesso.

In risposta al freddo, il grasso bruno produce calore, quindi all'aumentare della sua attività migliora il controllo degli zuccheri e i livelli di colesterolo nel sangue e con le calorie extra bruciate aiuta a perdere peso.
Per scoprire se il TAB poteva essere stimolato nella sua attività da qualcosa che si mangia o si beve, il team britannico ha utilizzato studi basati sulle cellule staminali e ha scoperto che la caffeina ci riusciva – anche se si deve ancora capire tramite quali componenti.
Ovviamente lo studio è all'inizio e di certo non si può dire che la caffeina sia un prodotto magico per il dimagrimento, però è una strada che potrebbe portare risultati sorprendenti.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER