Dieta, chili di troppo? E’ anche colpa della CO2

I chili di troppo sono dovuti anche alla CO2 presente in atmosfera. Ce lo dice uno studio dell’Universita’ di Copenaghen, ma non sarebbe l'unica causa

Diete, palestre e sacrifici, niente da fare. I chili di troppo è proprio difficile mandarli via, e da ora potremmo dare la colpa anche alla CO2 che respiriamo nell’atmosfera. Un nuovo studio svolto dai ricercatori dell’Università di Copenaghen ha ipotizzato che tra gli elementi che favoriscono l’obesità ci sia anche l’anidride carbonica, oltre all’alimentazione non corretta, all’abuso di bevande gassate e allo scarso movimento.

Respirando una maggiore quantità di CO2, il nostro sangue diventa più acido, causando un senso di appetito maggiore, e quindi chili di troppo e obesità. Lo studio svolto dall’Università di Copenaghen ha dimostrato che gli uomini con più anidride carbonica nel sangue hanno mangiato il 6% di cibo in più rispetto a quelli che hanno livelli ematici normali di CO2.

Gli studiosi sono giunti a questa conclusione dopo aver osservato il comportamento di sei uomini tenuti in sei diversi ambienti con concentrazioni di CO2 via via crescente. Le ‘cavie umane’, dopo essere state chiuse all’interno delle stanze per 7 ore, hanno avuto la possibilità di mangiare quanto volevano e si è visto che quelli con l’appetito maggiore erano proprio i volontari che erano stati rinchiusi nelle stanze in cui la concentrazione di anidride carbonica era maggiore.

Il numero esiguo di persone a cui è stato sottoposto il test fa sì che la ricerca non possa considerarsi definitivamente attendibile, e si attendono sviluppi futuri. Certo è negli ultimi decenni i livelli di CO2 atmosferica sono aumentati e con loro è aumentato anche il tasso di obesità. 

(GC)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER