Italia sotto la morsa del gelo: rischio per l’agricoltura

L’agricoltura italiana e’ a rischio: il freddo e il gelo che stanno investendo l’Italia in queste ore potrebbe provocare il congelamento delle colture e il blocco della crescita

L'agricoltura italiana e’ in ginocchio: dopo aver contato i danni provocati dalla siccità estiva e dalle alluvioni autunnali in Toscana, Umbria, Lazio e Liguria, l’agricoltura si prepara al freddo e al gelo che promette questo inverno. Primo ostacolo da superare e’ Attila, il ciclone che fino all’8 Dicembre terrà l’Italia sotto la morsa del freddo gelido.

L’ondata di gelo di ‘estrazione artica’ che investe l’Italia, e quindi anche il settore dell'agricoltura, preoccupa la Coldiretti e la Cia, Confederazione italiana agricoltori: tra le aziende agricole cresce la paura per le coltivazioni che potranno ritrovarsi sotto la neve e la grandine. In campagna, infatti, un freddo eccessivo e persistente e' sinonimo di perdite e disagi: maggiori costi per il riscaldamento delle serre, prodotti orticoli a rischio, difficoltà nell'approvvigionamento mangimistico per gli allevamenti e nel trasporto e distribuzione dei prodotti, specialmente quelli freschi.

A causa del gelo e della neve, che le previsioni dicono scenderà anche a bassa quota, le coltivazioni rischiano il congelamento e blocco della crescita. Spinaci, radicchio, cicorie, cavoli, insalate, broccoli, verze, finocchi e carciofi sono i prodotti più minacciati. Oltre l'orticoltura, tra i settori in allerta per lì’ondata di gelo c'è anche la zootecnia, che potrebbe risentire della diminuzione di resa produttiva degli animali causata dalle basse temperature.

(Natale Accetta)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER