Il nuovo enigma di Marte: le nuvole misteriose

Un nuovo mistero sul pianeta rosso: cosa sono quelle nuvole che appaiono dal 2012?

WhatsApp Share

Marte ha sempre affascinato l'uomo, si parla da anni di una futura missione per riuscire a 'conquistare' anche il pianeta rosso, ma per il momento rimane un progetto sulla carta. Dopo Venere, Marte è il pianeta più facilmente osservabile dalla terra data la sua grande luminosità e il suo caratteristico colore. Il primo atterraggio di una sonda umana sul pianeta risale al 1971, quando toccarono il suolo marziano Mars2 Mars 3, che però persero il contatto con la terra pochi minuti dopo.

L'ultimo 'enigma' su Marte riguarda delle 'nuvole' misteriose che raggiungono i 250 chilometri di altezza. Uno studio internazionale coordinato da Agustin Sánchez-Lavega, dell'Università dei Paesi Baschi, e pubblicato su Nature spiega che il fenomeno è probabilmente dovuto a particolari aurore polari.

Queste 'nuvole' si formano negli strati più alti dell'atmosfera marziana e poi svaniscono in poche ore. Sono larghe più di mille chilometri: i primi ad accorgersi del fenomeno sono stati degli astrofili nel 2012.

Vi sono due ipotesi in campo:

1. Sarebbero delle nuvole di acqua e e anidride carbonica ghiacciate in rapida evoluzione. Tuttavia queste nuvole avrebbero caratteristiche che 'sfuggono' agli attuali modelli 'meteorologici' marziani. Dovrebbero infatti formarsi prevalentemente a altitudini minori e durante il giorno. 

2. La seconda possibilità, ritenuta più verosimile dai ricercatori, come riporta l'ANSA, è che si tratti di aurore polari. La regione interessata da queste nubi 'misteriose' presenta infatti delle anomalie magnetiche. Ciò potrebbe deviare il vento solare e generare così enormi e rapide 'nubi' di luce dovute allo scontro del vento solare con l'atmosfera. 

Il fenomeno rimane ancora da studiare a fondo e potrebbe fare nuova luce su caratteristiche di Marte che non conosciamo, a meno che l'uomo non riesca ad andarci di persona; ma nel breve periodo dubitiamo.

E se lo spazio vi affascina non perdete le foto di Samantha Cristoforetti

a.po