Gli scienziati scoprono quasi 100 vulcani sconosciuti in Antartide

C'è un nuovo candidato in lizza per il continente con la più grande regione vulcanica della Terra: l'Antartide

WhatsApp Share

11 Novembre 2017

Grazie all'intuizione di uno studente universitario al terzo anno dell'Università di Edimburgo, gli scienziati hanno scoperto 91 vulcani massicci precedentemente sconosciuti, in Antartide – vulcani che vanno dai 100 ai 3800 metri circa di altezza. 

Lo studente, che si chiama Max Van Wyk de Vries, ha avuto l'idea di analizzare i dati radar di mappatura del continente e ha proposto uno studio all'università: è stato proprio questo studio a spingere gli scienziati a verificare che esistono davvero molti vulcani nel continente antartico, concentrati in una regione di frattura (West Antartic Rift System), sotto la calotta glaciale antartica occidentale (West Antarctic Ice Sheet). A quanto rivelato, la regione vulcanica di recente scoperta è molto simile alla cresta vulcanica dell'Africa orientale, che attualmente detiene il titolo di regione con la più densa concentrazione di vulcani del mondo.

Gli scienziati hanno utilizzato misurazioni radar, rilevamenti satellitari e informazioni geologiche provenienti da indagini aeree per confermare l'intuizione di Van Wyk de Vries. Dicono che la scoperta potrebbe aiutarli a capire meglio come l'Antartide sia cambiata durante i diversi climi della storia e come i vulcani hanno influenzato le fluttuazioni degli strati di ghiaccio. Non è stato ancora determinato se i vulcani sono attivi o meno, ma la consapevolezza della loro presenza potrebbe aiutare gli scienziati nello studio del monitoraggio sismico in Antartide.

La ricerca è stata divulgata nella serie di pubblicazioni speciali della rivista The Geological Society.