Batteri resistenti agli antibiotici. Morti 50mila bambini

Preoccupano non poco i nuovi batteri super resistenti agli antibiotici: sono già morti 58mila bambini. Si teme che l’epidemia possa

WhatsApp Share

 

Gli esperti lanciano l’allarme: in India un batterio killer, resistente alla maggior parte degli antibiotici, ha già causato la morte di 58 mila bambini. L’epidemia mortale potrebbe avere implicazioni globali, sostiene uno studio condotto dai medici indiani e pubblicato sul 'New York Times'.

I bimbi sarebbero già nati con queste infezioni resistenti a tutti gli antibiotici e oltre 58 mila piccoli sarebbero morti l'anno scorso: si teme che possa aumentare le forme di batteri resistenti, vanificando  gli sforzi per migliorare i tassi di mortalità neonatali nel Paese. ‘Se le infezioni resistenti continuano a crescere, i progressi registrati in questo campo rischiano di fermarsi. E questo sarebbe un disastro, non solo per l'India’, ha specificato Vinod Paul, capo della Pediatria dell'All India Institute of Medical Sciences e responsabile dello studio.

I nuovi batteri che resistono  agli antibiotici sono aumentti negli ultimi 5 anni: ‘Ora quasi il 100% dei bambini che arrivano da noi ha infezioni multiresistenti. È spaventoso’, spiega Neelam Kler, del dipartimento di Neonatologa del New Delhìs Sir Ganga Ram Hospital.

 

Servizi igienici approssimativi, uso incontrollato degli antibiotici e una lunga sottovalutazione del problema in India ‘hanno creato uno tsunami di antibioticoresistenza che sta raggiungendo gli altri Paesi del mondo’, avverte, invece, Timothy Walsh, microbiologo della Cardiff University.

gc