Donne vs uomini: chi e’ piu’ attento all’ambiente?

Uomini contro donne: chi rispetta maggiormente l’ambiente? Secondo la ricerca Green Monitor…

 

WhatsApp Share

 

L'ambiente si rispetta di più rispetto al passato, grazie ad un maggiore impegno e sensibilità ecologica da parte delle donne. E' questo, in sintesi, uno dei dati significativi emersi dalla ricerca Green Monitor 2014 realizzata da Centro Studi CE&Co, edita Ecoseven.net. 

Le donne, secondo lo studio, coprirebbero in particolare un 'segmento' di azioni quotidiane per la tutela dell'ambiente, maggiore rispetto a quello degli uomini. Su un campione di 477 cittadini italiani, la ricerca della CE&Co riferisce che il 52% delle donne, (rispetto ad un 48% di uomini), compie regolarmente da 6 a 12 'pratiche green' quotidiane suggerite dal report d'inchiesta, dalla riduzione degli sprechi idrici ed energetici, alla raccolta differenziata, l'alimentazione biologica, l'educazione ambientale dei figli, etc. Il campione socio-demografico di 'genere' ovviamente, si restringe quando si tratta di mettere in pratica più di 12 attività ambientali elencate nel questionario della CE&Co, ma anche in questo caso la differenza tra donne e uomini è abbastanza evidente: mentre le prime rappresentano il 53% del target di riferimento, i maschi si attestano soltanto al 47%.

L'ambiente sembrerebbe quindi essere più vicino alla sensibilità delle donne rispetto a quella degli uomini, che marcano la loro distanza dal genere femminile soltanto nella categoria dell'indifferenza ecologica, ossia la messa in pratica di meno di 6 attività ambientali quotidiane. In pratica, su un campione di 249 'indifferenti', il 57% degli uomini compie ogni tanto qualcosa a favore dell'ambiente, battendo così il 43% delle donne nel campo dell'impegno ecologico 'light'.

Gli uomini, sempre secondo i dati del 'Green Monitor 2014', avrebbero però la tendenza a percepire il loro impegno per l'ambiente in modo diverso rispetto alla realtà pratica delle azioni ecologiche effettivamente compiute. Sul campione complessivo degli intervistati, il 43% degli uomini (rispetto al 34% delle donne) ritiene infatti che la 'responsabilità ambientale' del genere maschile sia superiore a quella femminile.