Sale prezzo benzina. E' l'effetto euro debole

L'euro debole influisce anche sul prezzo della benzina, che supera anche 1,7 al litro

WhatsApp Share

 

Sale il prezzo della benzina: si sentono le conseguenze dell'euro debole. Secondo le rilevazioni di Quotidiano energia, il prezzo medio "servito" della verde ha superato nei distributori Q8 e Tamoil la soglia di 1,7 euro al litro. Per il diesel la Esso pratica invece un prezzo medio sopra 1,6 euro.

Sui prezzi dei carburanti è possibile quindi notare gli effetti della svalutazione dell'euro rispetto al dollaro. Petrolio e prodotti petroliferi raffinati vengono infatti acquistati sui mercati internazionali in moneta Usa.

 

Secondo quanto risulta in un campione di impianti che rappresenta la situazione italiana per il servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato "servito" della benzina va oggi dall'1,677 euro al litro di Eni all'1,703 di Q8 e Tamoil (no-logo a 1,497). Per il diesel si passa dall'1,580 euro al litro di Eni all'1,607 di Esso (no-logo a 1,391). Il Gpl, infine, è tra 0,598 euro al litro di Eni e 0,627 di Shell (no-logo a 0,593). Le punte massime sempre sul "servito", osservate per tutti e tre i prodotti nell'Italia meridionale, si attestano a 1,784 euro al litro per la benzina, 1,665 euro al litro per il diesel e 0,652 euro al litro per il Gpl. I livelli più bassi (no-logo escluse), registrati nel nord del Paese, risultano invece rispettivamente a 1,593, 1,526 e 0,556 euro al litro.