Arriva la moto a vapore, per centauri eco

Sta per arrivare la moto a vapore: una due ruote eco e veloce, ideale per gli spostamenti in citta'

WhatsApp Share

Centauri 'eco', è il vostro momento. Sta per arrivare per voi la moto a vapore. Ad inventarla è stato un meccanico veneto, Mauro Simoni, trevigiano di Fontanelle, 24 anni, diplomato all’Itis, con un passato a Maranello in Ferrari (oggi lavora alla Biker Sheriff di Codognè). Il giovane meccanico ha creato il prototipo di un mezzo a due ruote capace di percorrere 60 km con un pieno da 1,50 euro di gpl, che serve per far scaldare l’acqua nella caldaia come si faceva una volta con il carbone per i treni.

L’invenzione della moto a vapore potrebbe cambiare il modo di muoversi di molta gente, soprattutto degli appassionati centauri. Una vera e propria sfida ecologica alla crisi

Il telaio della moto a vapore è di una Bianchi 125 degli anni Cinquanta, il motore è una derivazione di quello di una moto da cross. Mauro ha conservato il cambio, ma ha realizzato un serbatoio in rame e una caldaia in acciaio sistemata dietro la sella e protetta da fibre di vetro per mantenere il calore. Il gpl nella bomboletta da 2 litri sotto la sella porta in ebollizione l’acqua e il vapore generato in pressione aziona il motore. Occorrono 5 minuti perché si azioni il tutto, un tempo accettabile considerando quanto sia economica ed ecologica la moto che sarà presto brevettata dal giovane.