La nave da crociera più ecologica del mondo

Peace Boat naviga tra i continenti cercando di esportare pace: presto potrà farlo in maniera sostenibile

WhatsApp Share

27 Gennaio 2018

La giapponese Peace Boat naviga in tutto il mondo dal 1983 e lavora per costruire una cultura della pace attraverso l'educazione. È balzata di nuovo alle cronache per aver svelato una nuova nave, la Ecoship, che potrebbe fendere il mare già dal 2020.

Un sistema idrico a circuito chiuso, uno scafo idrodinamico ispirato alle balene e delle vele solari retrattili sono tra le caratteristiche che rendono questa imbarcazione, secondo lo studio di architettura navale Oliver Design – che ci ha lavorato – , la «nave da crociera più ecologica del mondo».

Le navi da crociera non sono generalmente note per la sostenibilità. In media, una nave di questo genere produce circa 80.000 litri di acque reflue ogni giorno che, oltretutto, essendo trattate con sistemi di filtraggio obsoleti, sono davvero molto inquinanti. Per questo, la Peace Boat ha deciso di creare per sé un'alternativa: una nave ad alta efficienza energetica, ispirati alla natura, che ottiene elettricità da 10 generatori eolici a scomparsa e 10 vele fotovoltaiche a scomparsa. I loro obiettivi sono l'azzeramento delle emissioni e il quasi azzeramento delle operazioni di scarico, con un circuito chiuso dei rifiuti e dell'acqua.

La Oliver Design si è avvicinata a questi obiettivi con i progetti per il transatlantico di 60.000 tonnellate che può ospitare 2.000 passeggeri: un regno vegetale a bordo coprirà cinque ponti, assorbendo l'acqua in eccesso e catturando l'anidride carbonica; i rifiuti organici verranno usati come compost, mentre le fattorie verticali produrranno verdure da mangiare per i viaggiatori.

La Ecoship dovrebbe arrivare a una riduzione di circa il 40% di anidride carbonica rispetto a una tipica nave da crociera costruita prima del 2000 e circa il 30% rispetto ai progetti attuali. Ci saranno 750 Kilowatt di generazione di energia solare sulla nave, ma il motore ibrido potrà anche ottenere energia da gas naturale o diesel. Il rivestimento permetterà un taglio del 20% dell'energia di propulsione e un taglio del 50% sulla carica elettrica, secondo quanto annunciato da Ecoship.

La nave ospiterà i viaggi educativi di Peace Boat, ma servirà anche come laboratorio galleggiante impegnato nella ricerca sull'oceano, sul clima e sulle tecnologie verdi. Sarà pronto per essere consegnato in tempo per i Giochi Olimpici del 2020 a Tokyo.