Viaggi ipersonici

Boeing ha presentato il suo progetto per un jet ipersonico che potrebbe ridurre i tempi di volo dell'85%

WhatsApp Share

La Boeing ha presentato il suo primo progetto per un jet passeggeri ipersonico, durante la conferenza dell'American Institute of Aeronautics and Astronautics (AIAA) che si è svolta ad Atlanta. Il veicolo potrebbe teoricamente viaggiare a Mach 5, ovvero a cinque volte la velocità del suono (6.174 kmh). A quella velocità, un volo tra New York e Tokyo che richiede attualmente 14 ore scenderà a solo un paio d'ore, secondo un rapporto di «Popular Mechanics».

Il jet utilizza un tipo specifico di motore noto come dinamogetto, un punto fermo di molti modelli di veicoli ipersonici. Perché, infatti, c'è da dirlo, abbiamo già costruito e fatto volare altri velivoli che superano la velocità ipersonica, quindi sappiamo che costruirli è possibile; quello che è difficile da fare e che, poi, è il più grande ostacolo al volo ipersonico è rendere i voli accessibili in modo da essere davvero competitivi con le compagnie aeree.
Boeing, infatti, non è l'unica azienda che si sta occupando della progettazione di jet per viaggiare a velocità Mach 5, anzi – in Cina, a febbraio, i ricercatori hanno testato con successo una versione ridotta di il loro primo aereo ipersonico in un tunnel d'aria, raggiungendo una velocità di Mach 7. Finora, però, le operazioni di scala (più grandi sono gli aerei più possono andare avanti per periodi lunghi di tempo) sono rimaste ancora troppo costose.

L'aereo passeggeri appena svelato da Boeing potrebbe trasportare soldati o civili, secondo «Popular Mechanics», ma per entrambe le possibilità c'è ancora abbastanza tempo da attendere, visto che l'imbarcazione volante probabilmente non sarà pronta per il decollo per altri due o tre decenni.