Gas: la Puglia ribadisce il suo no al Tap

 

La Regione Puglia ha approvato una delibera che sancisce l’indirizzo del governo regionale di negare l’intesa in conferenza di servizi per il progetto denominato Tap

WhatsApp Share

 

 

 

 

La regione Puglia ribadisce il suo no al Tap, bocciando il progetto per la realizzazione di un gasdotto che trasporterà gas naturale dalla regione del Mar Caspio in Europa. Collegando il Trans Anatolian Pipeline (TANAP) alla zona di confine tra Grecia e Turchia, il gasdotto dovrebbe attraversare la Grecia settentrionale, l’Albania e l’Adriatico per approdare sulla costa meridionale italiana (in Puglia, a Melendugno) e collegarsi alla rete nazionale.

 

 

Ma la regione Puglia ha approvato una delibera che, secondo le parole dell' assessore alla Qualità dell’ambiente della Regione Puglia, Lorenzo Nicastro, 'sancisce l’indirizzo del governo regionale di negare l’intesa in conferenza di servizi per il progetto denominato Tap, in coerenza con quanto espresso con delibera dello scorso gennaio'.

 

'Il ministero dello Sviluppo economico – prosegue – ha convocato per domani la conferenza di servizi. Parteciperemo per negare l’intesa che serve all’autorizzazione unica del progetto in forza della deliberazione di quest’oggi. Siamo consapevoli delle evoluzioni delle ultime ore proprio in tema di gas che giungono da panorama internazionale e che, se possibile, contribuiscono ad aumentare la pressione e gli interessi per la realizzazione della Tap, ma, allo stesso tempo, fermi nella convinzione che l’attuale progetto presenta dei punti di criticità tutt'altro che superati, nonostante le rassicurazioni'. 'Abbiamo cognizione anche del fatto che, in mancanza dell’intesa, la questione passerà alla presidenza del consiglio dei ministri e che rimangano sul tavolo ben poche opzioni. Cionondimeno in ogni sede possibile continueremo a rappresentare le nostre convinzioni rispetto ad un progetto che, pur nelle lodevoli intenzioni di autonomia energetica, resta di difficile integrazione con il territorio', conclude Nicastro.

gc