La cella solare più efficiente del mondo

Una nuova tecnologia per assorbire tutta l'energia proveniente dallo spettro solare, grazie alla sovrapposizione di diverse celle

WhatsApp Share

Un team di ricercatori della George Washington University ha progettato una cella solare in grado di raccogliere quasi tutta l'energia dello spettro solare che, grazie a una efficienza del 44,5%, potrebbe diventare la cella solare più efficiente del mondo.

Gli scienziati hanno creato un prototipo di questa cella che rende subito visibile il motivo per cui si differenzia dalle altre: in pratica, hanno impilato più celle solari per creare un unico dispositivo, utilizzando – al contrario dei pannelli solari che sono più in voga per i tetti – pannelli fotovoltaici a concentrazione (CPV), che concentrano la luce solare sulle celle utilizzando delle lenti.

La cella funziona come un setaccio per la luce del sole, poiché ogni strato assorbe un certo insieme di lunghezze d'onda, per catturare circa la metà dell'energia disponibile – per intendersi, le celle tradizionali ne catturano solo un quarto.

L'efficienza è uno degli obiettivi principali di qualsiasi ricercatore che lavora sulle celle solari: in questo caso, per ottenere questa alta efficienza sono stati utilizzati materiali basati su substrati di antimoniuro di gallio (GaSb) e per riuscire a costruire le minuscole celle con grande precisione è stata usata una tecnica chiamata tranfer-printing.

Purtroppo, questa cella solare innovativa non è stata economica da costruire. Tuttavia, gli scienziati pensano che la tecnica di costruzione sia stata utile per mostrare quanto possa essere efficiente una cella solare e che, in futuro, si penserà a come risolvere la problematica dei costi.
La ricerca è stata pubblicata dalla rivista «Advanced Energy Materials».