Energia pulita e arte: un quadro fotovoltaico per ricaricare il cellulare

Le rinnovabili possono coniugarsi con la bellezza estetica che l'occhio umano si aspetta di vedere nell'arte? Lo scienziato Hiroshi Segawa prova a dare una risposta con il suo quadro fotovoltaico..

WhatsApp Share

Le energie rinnovabili hanno certamente avuto (e avranno) un impatto positivo per la nostra società, con ricadute evidenti in ogni ambito possibile: economico, ambientale, etc. Ma pochi si sono interrogati veramente sull'impatto estetico che queste tecnologie green avranno sulla nostra società, a parte ovviamente alcuni specifici settori di ricerca (tra cui il fotovoltaico integrato).

La domanda fondamentale è infatti questa: le energie rinnovabili possono 'coniugarsi' con la bellezza estetica che l'occhio umano si aspetta di vedere nelle varie forme di 'arte'?
Lo scienziato e designer giapponese Hiroshi Segawa (e docente presso il Centro di ricerca per la Scienza e la Tecnologia Avanzate dell’Università di Tokyo), prova a dare una risposta a questo 'scomodo' quesito, proponendo la sua personale idea di 'estetica rinnovabile': un originale sistema fotovoltaico floreale. Si tratta, in pratica, di un quadro fotovoltaico denominato 'Annabelle', dal nome di un tipo di ortensia bianca, ed è costituito da celle solari organiche di vetro colorato - a forma di ortensia, appunto - integrate in una struttura di legno a graticcio sul modello delle porte tradizionali giapponesi.

Il quadro fotovoltaico di Segawa ovviamente, non rappresenta soltanto una decorazione originale per una veranda, ma è funzionale anche allo scopo per cui è stata creata: le foglie, infatti, generano elettricità, immagazzinata nel 'fiore' in quantità sufficiente, ad esempio, a ricaricare due volte un cellulare. Mentre il dispositivo si ricarica e assorbe energia, i petali diventano sempre più blu, proprio come accade alle ortensie vere, che hanno fiori che da bianchi assumono gradualmente la tonalità blu. In questo modo si può facilmente verificare quando il dispositivo è carico. Il 'guanto di sfida' è quindi lanciato: altri seguiranno l'esempio di Hiroshi Segawa, oppure la 'bellezza' delle energie rinnovabili 'salverà il mondo' soltanto in parte?

(Matteo Ludovisi)