Efficenza energetica: le detrazioni del 65% stanno per scadere

Dal 2018 gli incentivi saranno del 50%

WhatsApp Share

26 Ottobre 2017

Compiere lavori di riqualificazione edilizia, anche sostituendo porte e finestre, permette di ridurre le spese di riscaldamento e migliorare il comfort domestico. In questo modo si ottiene un immediato risparmio sulla bolletta, soprattutto durante la stagione fredda.

Fino al 31 Dicembre 2017 a questi benefici si sommano le detrazioni fiscali del 65% riservate agli interventi di efficientamento energetico delle abitazioni.
Secondo il disegno di legge di Bilancio 2018, però, questi incentivi scenderanno al 50% nel prossimo anno.

Non cambiano i meccanismi per usufruire dell’incentivo: i pagamenti dovranno essere effettuati con bonifico bancario o postale e il rimborso Irpef avverrà in dieci anni, con rate di pari importo.
Chi può beneficiare dell’agevolazione? Non solo i proprietari degli immobili, ma anche inquilini, familiari, conviventi del possessore dell’immobile. L’importante è che sostengano le spese e le fatture e i bonifici risultino intestati a lui.

E, se vogliamo ristrutturare, ricordiamoci dei biomateriali: approfondiamo questo tema dell’architettura sostenibile.