Casa Brutale da progetto virale diventa realtà!

Scolpita su una scogliera, coperta da una piscina trasparente e con una vista vertiginosa sul mare sottostante: sembra incredibile, ma questa villa è finalmente in costruzione

WhatsApp Share

Si tratta di una struttura folle: una casa di cemento affacciata sul mare decisamente non adatta ai deboli di cuore. Quando è stata proposta e disegnata, si pensava che Casa Brutale – così si chiama questa casa che ricorda l'iconica Casa Malaparte di Napoli – sarebbe rimasta un progetto di «carta», da non realizzare mai. E invece no: invece la monolitica struttura sotterranea con piscina sul tetto che funge da soffitto traslucido e una vista vertiginosa sul mare sta diventando una realtà.

È quindi ufficiale: la bella e bizzarra casa su/dentro/fra la scogliera è in fase di costruzione.
La prima volta che i disegni sono stati pubblicati, il design incredibile dell'edificio è diventato virale e ha girato tantissimo sui siti, rimbalzando sui social, ma pochi si aspettavano che il progetto potesse effettivamente ricevere i finanziamenti necessari per diventare una realtà.
La casa, concepita come omaggio concettuale ma volumetricamente invertito alla già citata Casa Malaparte, ha assunto una vita propria dopo essere stata presentata sulla Open Platform for Architecture (OPA) nel 2015 e l'azienda ha rapidamente trovato un partner nella società di progettazione e costruzione Arup, che si è impegnata ad affrontare le sfide strutturali e geotecniche necessarie per incorporare una casa all'interno di una parete rocciosa a condizione che si trovasse un cliente serio, un committente che fosse davvero intenzionato ad eseguire il progetto.
Ed ora ecco qua.
Casa Brutale sarà costruita sull'esclusivo promontorio Faqra, fuori Beirut, in Libano, ad un'altitudine di 1600 metri e, più specificamente, a 150 metri sotto la vetta. Inoltre, il progetto da 2,5 milioni di dollari è cresciuto e, da 180 metri quadrati che doveva essere, sarà di 270 – in grado di ospitare sei persone e con un parcheggio sotterraneo per un massimo di tre auto.
Insomma, James Bond, se sei in ascolto: hai trovato casa!