Arriva la carta di Malaga per le citta' sostenibili

Le citta' che aderiscono alla carta di Malaga puntano a creare spazi verdi in cui si incrociano fattori territoriali, economici e medio ambientali. Aderiscono città come Malaga, Siviglia, Barcellona, Genova, Torino, Roma, Atene

WhatsApp Share

Undici città europee hanno firmato la Carta di Malaga sui modelli urbani sostenibili. Un trattato nel quale i rappresentanti delle località che fanno parte della Piattaforma Change Mediterranean Metropolises Around Time - Cat Med (http://catmed.eu) si impegnano nella messa in atto dei principi di sostenibilità nelle zone urbane mediterranee. Malaga, Siviglia, Valencia, Barcellona, Genova, Torino, Roma, Marsiglia, e Atene, hanno aderito all’iniziativa. Il Progetto Cat-Med promuove la creazione delle cosiddette “mele verdi”, zone metropolitane a livello transnazionale in cui convergono fattori territoriali, economici, medio ambientali e sociali come punto di partenza per la prevenzioni dei rischi ambientali. La proposta è quella di creare un sistema comune di indicatori che permetteranno di stabilire obiettivi comuni con una scala di valori desiderabili per ogni indicatore. Tra i principi della Carta di Malaga c’è quello di “considerare le città come modelli urbani sostenibili”; “condividere un sistema di indicatori urbani di sostenibilità”; “promuovere la sperimentazione di ‘mele verdi’ come un passo verso la costruzione di città sostenibili” e, finalmente, “costruire e mantenere una piattaforma di metropoli mediterranee”. Il progetto Cat-Med è una bandiera del Comune di Malaga ed è stato il primo classificato tra altri 531 progetti che si sono presentati per il periodo 2007-20013 nel Programma MED (www.programmemed.eu). La Carta di Malaga è aperta a tutte le altre città europee e mediterranee che hanno a cuore l’ambiente e lo sviluppo urbano.(R.M.)