Come scegliere le vernici naturali per imbiancare casa

Casa da imbiancare? Ecco perché scegliere vernici naturali e prive di sostanze nocive per l'ambiente e per chi vi abita.

WhatsApp Share

Siete in procinto di imbiancare casa?  Per prima cosa è bene scegliere prodotti che non rilascino sostanze nocive per l’ambiente e per la salute, problema proprio delle vernici tradizionali.

Facciamoci due calcoli. Un appartamento medio, di circa 100 mq, ha una superficie di circa 300 mq di parete: calcolando che il consumo di pittura è di circa 0,3 litri al mq per mano e mettendo in conto di rimbiancare l'appartamento almeno ogni 5 anni, in mezzo secolo si arrivano a utilizzare durante la vita circa 1000 litri di vernice procapite. Il tutto con un impatto ambientale ancora maggiore se si mette in conto che per ogni chilogrammo di vernici, si producono 100 kg di rifiuti speciali.

imbiancare colori


Meglio quindi scegliere vernici biologiche ed ecologiche, capaci di soddisfare le medesime esigenze pittoriche, pur essendo prive di emissioni tossiche, contribuendo a ridurre l'inquinamento domestico. Negli ultimi anni, infatti, si sono diffuse sempre di più le cosidette vernici fotocatalitiche che, attraverso il processo noto come fotocatalisi (simile alla fotosintesi clorofilliana) riescono a trasformare sostanze altamente nocive, formatesi nell'appartamento - in particolare le famigerate polveri sottili generate da arredamento e dispositivi elettronici -, in altri composti non o comunque meno nocivi, riducendo così i gas serra.

tinteggiare-parete


Più in generale, le vernici biologiche sono pitture a basso impatto ambientale, realizzate con ingredienti naturali, sicure per chi le produce, per chi le utilizza e per chi abita in casa. Sono presenti in una vasta gamma di colori e sfumature non affatto inferiore a quella delle "sorellastre" chimiche. Per riconoscerle, basterà notare la presenza dell'apposito marchio di qualità ecologica "ECOLABEL" dell'Unione Europea.

Per quanto riguarda i vantaggi, poi, basterà sapere che hanno la stessa (o a volte perfino più alta) resa, con una copertura omogenea in fase di applicazione, che sono inodori e, quindi, possono essere perfino applicate con finestre chiuse, consentendo di soggiornare nell'ambiente trattato poco dopo l'applicazione, che sono completamente prive di sostanze volatili nocive ed irritanti, cosa che le rende particolarmente adatte per trattare gli interni delle stanze a maggiore frequentazione e le camere dei bambini, e che favoriscono la naturale traspirazione del materiale trattato. Quest'ultimo punto è estremamente importante,in quanto, soprattutto per il trattamento delle pareti, si evita l'impermeabilizzazione dei muri che dovrebbero fungere da filtri per lo scambio ed il riequilibrio di umidità tra l'esterno e l'interno della casa, consentendo così una maggiore salubrità degli ambienti in cui si vive. Quindi, perché affidarsi ai prodotti chimici, quando, anche se con qualche soldino in più, si può usufruire di prodotti non tossici e dalla resa uguale, se non maggiore? A voi la scelta ...

-fd-