Cristalloterapia: ritrovare il perfetto equilibrio del corpo e della mente

Rispetto alle altre terapie dolci, come Omeopatia e Fiori di Bach, la cristalloterapia è forse meno conosciuta, nonostante abbia origine antichissima. Il potere terapeutico è assicurato dal contenuto minerale.

WhatsApp Share

Cristalloterapia tra le terapie dolci quella che si effettua mediante i cristalli è forse una delle meno diffuse rispetto all’Omeopatia, ai Fiori di Bach, all’Aromaterapia, al Reiki, alla Musicoterapia e a molte altre ancora. Ma come tutte queste, affonda le sue radici nel passato più remoto dell’essere umano.

Fin dai tempi più antichi, infatti, i cristalli venivano utilizzati per creare amuleti, portafortuna, oggetti vari a scopo ornamentale con il preciso intento di proteggere la persona che li portava durante le battaglie contro i nemici, la caccia, gli spiriti. Oltre a ciò, erano impiegati anche contro malattie e disturbi di vario tipo: venivano infatti ridotti in polvere per realizzare pozioni che potevano essere somministrate al paziente.

Il loro potere terapeutico è infatti dato dal contenuto minerale: ferro, sodio, calcio, silicio, manganese e molti altri componenti che ne facevano un rimedio naturale ed efficace. Anche il semplice fatto di posizionare il cristallo su una determinata parte del corpo portava giovamento, in quanto esso fungeva da collettore di energia ed era quindi in grado di innescare il fenomeno dell’autoguarigione da parte della persona.

Anche se con un paragone decisamente limitativo, è un po’ come se ogni giorno bevessimo due-tre litri d’acqua particolarmente pura e ricca di sostanze minerali: certamente l’effetto sarebbe altamente positivo sull’organismo. Si pensi ad una settimana trascorsa presso una fonte termale per disintossicarsi e rigenerarsi.

Certo, per alcuni tipi di malattie o per disturbi molto gravi la cristalloterapia raramente si rivela efficace, per cui è assolutamente indispensabile rivolgersi al medico e alla farmacologia: non è certamente la panacea per tutti i mali. Ma è indubbio che, così come le piante, i fiori, gli aromi, i colori, la musica, anche le pietre giochino un ruolo determinante nel buon equilibrio fisico, mentale ed emozionale dell’essere umano giovando anche, e non è poco, all’aspetto spirituale.

Insomma, pietre e cristalli costituiscono una vera e propria fonte rigeneratrice in quanto collegati con tutta l’energia presente nella Madre Terra e nel Cosmo. Perché, altrimenti, tante persone ricorrerebbero alle terapie naturali se non ne traessero un effettivo beneficio?

 

(Dott. Pietro Vicenti - Vicepresidente Nazionale AISIC)