I benefici dei vari tipi di tè verde

Cuore sano, pelle luminosa, effetto detox: sono molti i motivi per bere il tè verde e le sue miscele

WhatsApp Share

Il tè verde è considerato una delle bevande più salutari al mondo: contiene un'elevata quantità di antiossidanti ed è uno dei tè meno elaborati che esistono. Le foglie, che non sono ossidate, contengono composti bio-attivi che aumentano il metabolismo e aiutano a bruciare i grassi a un ritmo migliore; inoltre, contengono le catechine (un antiossidante) che aiutano a rallentare l'attività degli enzimi digestivi, mantenendoci sazi più a lungo.

In un certo senso, però, il semplice tè verde, quello più tradizionale, sembra essere finito fuori moda: ora si miscela con altre foglie e altri fiori, al fine di aumentare i benefici per il corpo.
Il tè verde con la calendula, per esempio, da bere preferibilmente dopo i pasti, promuove la crescita di nuovi tessuti sani, aumenta la produzione di collagene (che rassoda e rafforza la pelle), aumenta il ricambio cellulare, idrata la pelle secca e accelera il processo di riparazione della pelle in seguito a interventi chirurgici o danni; possiede anche proprietà anti-batteriche, antivirali, anti-fungine e immuno-stimolanti, che possono aiutare a ridurre qualsiasi tipo di infezione e infiammazione; migliora la digestione ed è ottimo per una attività detox.

Il tè verde con lo zafferano, invece, è una buona fonte di vitamina B2 e vitamina B12, che aiuta a rafforzare il sistema immunitario. Quello alla rosa canina combatte i sintomi dell'artrite reumatoide, allevia le condizioni respiratorie, abbassa il colesterolo, gestisce il diabete, rinforza il sistema immunitario, costruisce ossa più forti e favorisce la circolazione – la rosa canina, infatti, contiene il 50% in più di vitamina C rispetto alle arance e ai mirtilli e ha alti livelli di flavonoidi antiossidanti (è nota per le sue proprietà antivirali, antinfiammatorie e antiallergiche e aiuta a guarire i tessuti e le cellule).
Un più semplice tè verde alla menta aiuta a lenire i nervi, a pulire la cistifellea e a scovare sostanze tossiche dal fegato. È buono per combattere l'infezione nei tratti digestivi e ristabilire i batteri buoni – la menta allevia la ritenzione di liquidi, aiuta la digestione, aiuta ad attivare gli enzimi salivari e quindi favorisce la digestione; inoltre il forte aroma delle foglie di menta previene la nausea e il mal di testa.