“Obeso ma in salute” non esiste. Aumentano sempre i rischi per chi è sovrappeso

Chi è sovrappeso è sempre a rischio anche se "momentaneamente" non sembra

WhatsApp Share

Niente scuse, niente giri di parole: essere sovrappeso non è mai una condizione che si concilia con l’essere in salute. Le persone obese, anche se non presentano sintomi di disturbi, sono comunque più a rischio di malattie cardiache, diabete o colesterolo alto.
Lo spiega, come riferisce l’Ansa, uno studio dell'università di Birmingham, non ancora pubblicato su riviste scientifiche, che è stato presentato al Congresso europeo sull'obesità in Portogallo.
La formula “fat but fit” (“grasso ma in forma”) è quindi un falso mito. Anche se i fattori metabolici delle persone sovrappeso, come pressione o zuccheri nel sangue, rientrano nei parametri standard, non significa che i chili di troppo non siano un pericolo per la salute.
I ricercatori inglesi, spiega l’Ansa, hanno analizzato i dati di 3,5 milioni di pazienti britannici dal 1995 al 2015, tenendo traccia di chi era obeso all'inizio dello studio ma non aveva i segni di malattie cardiache, ipertensione, colesterolo o diabete. Hanno così visto che le persone obese ma 'metabolicamente sane' erano più a rischio di sviluppare malattie cardiache, ictus e infarti rispetto a chi ha un peso normale. In contrasto con quando sostenuto da precedenti ricerche.

Teniamo controllato il peso e non sediamoci mai sugli allori: bastano due settimane di vita sedentaria a far aumentare il rischio di malattie croniche!