Bebè: meglio le pappe fatte in casa o quelle industriali?

Non sempre le pappe fatte in casa sono meglio di quelle industriali

Per la salute dei nostri bimbi sono meglio le pappe fatte in casa o quelle industriali? Non c'è una risposta certa perché dipende da come le preparano mamma e papà. E non è detto che quelle industriali siano sempre peggio di quelle 'artigianali'. Secondo uno studio, quelle fatte in casa potrebbero essere più grasse. Lo spiegano i ricercatori dell'università di Aberdeen in una ricerca pubblicata su 'Archives of Disease in Childhood'.

I piatti fatti in casa sarebbero più convenienti, ma spesso conterrebbero più grassi e calorie di quanto raccomandato dalle linee guida.

Nella ricerca gli studiosi hanno messo a confronto il costo e il contenuto nutrizionale di 278 pasti pronti destinati ai bambini di età inferiore ai 5 anni, acquistati nei supermercati o in farmacia e 408 cucinati in casa con ricette provenienti da 55 libri di cucina rivolti specificamente ai lattanti e ai bambini.
Sul fronte dei costi, i pasti pronti sono risultati molto più costosi (80 centesimi per 100 grammi), mentre quelli preparati in casa costano una media di 30 centesimi per 100 grammi.
Le pappe fatte in casa contenevano un apporto calorico superiore nella misura del 51% e un contenuto maggiore di carboidrati, sale, proteine e grassi saturi.

Il segreto per una alimentazione equilibrata è variare e, quando possibile, misurare. Per questo sarebbe necessario giungere a degli standard commerciali che possano aiutare i genitori nelle scelte.