La plastica ci seppellirà davvero, non tanto per dire

Secondo la prima analisi globale della produzione di plastica, dal 1950 ad oggi ne abbiamo prodotto 8,3 miliardi di tonnellate

WhatsApp Share

L'uomo produce più plastica di qualsiasi altra cosa e, se la tendenza continua, finirà per seppellire il pianeta con la plastica che, tra l'altro, richiede centinaia – se non migliaia – di anni per decomporsi. A quanto raccontato dalla prima analisi globale della produzione di materie plastiche: dal 1950 ad oggi, l'uomo ha creato 8,3 miliardi di tonnellate di questo materiale. 

Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista «Science Advances», ha rivelato alcuni fatti davvero sorprendenti: ad esempio, che circa il 79% della plastica prodotta finisce nelle discariche, dove è semplicemente sepolta e dimenticata – inoltre, come sappiamo, un'altra grande percentuale di questi rifiuti entra negli oceani contaminando l'ambiente e uccidendo la fauna. Lo studio ha anche scoperto che solo il 9% di tutte le materie plastiche è riciclato e che solo un ulteriore 12% viene incenerito – l'unico modo per eliminare definitivamente i rifiuti di plastica, infatti, è bruciarli o scioglierli.

La produzione è aumentata da 2 milioni di tonnellate all'anno nel 1950 ad un sorprendente 400 milioni di tonnellate all'anno nel 2015: la plastica è oggi il materiale più prodotto dall'uomo, ad eccezione di materiali industriali come acciaio e cemento che, però, a differenza della plastica vengono poi usati per decenni – la plastica è monouso, quindi viene spesso buttata subito.

Sappiamo che è impensabile pensare di eliminare completamente la plastica dal mondo moderno, ma la produzione e l'uso devono diminuire drammaticamente per far sì che l'ecosistema ne possa beneficiare nel suo complesso.

Noi possiamo cominciare con le piccole cose: comprare cibi interi, non trasformati, usare saponi biodegradabili, portarsi dietro buste riutilizzabili per la spesa... Insomma, tutto quello che ci viene in mente per tentare di contribuire, almeno in minima parte, a garantire un ambiente abitabile per le generazioni future.

Se stai lottando per visualizzare quel peso, la BBC aiuta: è così pesante come 25.000 Empire State Buildings o 1 miliardo di elefanti. I ricercatori che si trovano dietro di lui - chi saluta dall'Università della California - Santa Barbara, dall'Università della Georgia e dall'Istituto Oceanografico di Woods Hole, secondo le notizie - ritengono loro "la prima analisi globale di tutte le plastiche prodotte in massa mai prodotte". La loro carta, pubblicata in Science Advances , è piena di numeri: ad esempio, circa 4.3 miliardi di tonnellate, o quasi la metà, sono stati prodotti solo negli ultimi 13 anni.

Nel 2014, il 24% dei rifiuti di plastica è stato incenerito e il 18% è riciclato. Ma la lunga vista non è bella: quando si esaminano tutte le materie plastiche fatte nel 2015, solo il 12% è stato bruciato e il 9% è riciclato, il che significa che il 79% dei rifiuti di plastica è rimasto seduto in discariche o in altri luoghi (come nei nostri oceani).

Il tasso di riciclaggio degli Stati Uniti, nel frattempo, è dietro quello dell'Europa (30%) e persino della Cina (25%). Nel caso dell'imballaggio, la "fine delle materie plastiche"] è utile in meno di un anno; Per la costruzione e la costruzione, sono decenni.

La valutazione piuttosto sommersa dei ricercatori: "Senza una strategia di gestione ben progettata e su misura per la plastica della fine vita, gli esseri umani stanno conducendo un singolo esperimento incontrollato su scala globale, in cui si accumulano miliardi di tonnellate di materiale Tutti i principali ecosistemi terrestri e acquatici del pianeta ". (Le bottiglie di plastica potrebbero rivaleggiare con la minaccia del cambiamento climatico ).