La guerra del Costa Rica alla plastica

Il Costa Rica punta a diventare la prima nazione al mondo a bandire le plastiche monouso

WhatsApp Share

27 Ottobre 2017

Non importa quante altre volte lo diremo, continueremo a dirlo fino a che i governi di tutto il mondo non prenderanno una posizione in merito: i rifiuti di plastica stanno inondando i nostri oceani, intasando le nostre discariche e uccidendo i nostri animali marini. 

L'annuncio del Costa Rica circa la sua volontà di azione potrebbe portare il paese a diventare il primo al mondo a bandire tutte le plastiche monouso. Non si tratta soltanto di un divieto per i sacchetti di plastica o le bottiglie d'acqua: utilizzando un approccio multiplo, il Costa Rica vuole eliminare anche le forchette, i coperchi e perfino gli attrezzi per miscelare il caffè. E come se non fosse un obiettivo abbastanza alto, hanno intenzione di farlo entro il 2021.

La plastica è uno dei problemi più drammatici che l'ambiente sta affrontando. C'è così tanta spazzatura di plastica nell'oceano che è difficile anche poterla immaginare e, ogni volta che si pensa di aver individuato una cifra, un numero, una quantità sulla quale lavorare si scopre che ce n'è di più: entro il 2050, nell'oceano potrebbero esserci più plastiche che pesci. 

In Costa Rica, ogni giorno, vengono prodotte 4.000 tonnellate di rifiuti solidi e il 20% di questi non finisce né in un centro di riciclaggio, né in una discarica, finisce nei fiumi, sulle spiagge e nelle foreste del Costa Rica.

Il paese ha preso questa problematica nella maniera in cui la dovrebbero prendere tutti: seriamente; e intende essere carbon neutral entro il 2021, in parte mettendo anche un freno ai combustibili fossili e dedicandosi a ripristinare le foreste e a proteggere la fauna selvatica.

Per allontanarsi dalla plastica monouso, il paese utilizzerà sia il settore pubblico che il privato, offrendo incentivi e rilasciando requisiti per i fornitori, investendo in attività di ricerca e sviluppo più altre iniziative che lo avvicineranno ai suoi obiettivi. Inoltre, sostituirà i prodotti monouso con oggetti di materiali innovativi, a base di acetato di cellulosa.