Allarme delle Nazioni Unite per il cattivo smaltimento dei rifiuti elettronici

 

La produzione di questo genere di rifiuti è in costante crescita con gravi problemi per la salute e l'ambiente

WhatsApp Share

 

 

Milioni di telefoni cellulari, macchine fotografiche digitali, computer e altri congegni elettronici vengono smaltiti in modo non corretto, mischiati ai rifiuti normali. L'allarme viene direttamente dalle Nazioni Unite che evidenziano come il mancato smaltimento di questi rifiuti speciali costituisce un enorme pericolo per la salute e l'ambiente. Tali apparecchiature infatti contengono metalli pesanti come piombo, zinco, mercurio che, se non correttamente smaltiti, possono provocare danni anche a lungo termine. Nel 2000 sono state prodotte 10 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici, ora si è passati a 50 milioni, otto volte il peso della grande piramide egizia di Giza. Il dato, secondo le Nazioni Unite è destinato a crescere: nei prossimi tre anni tale quantità aumenterà di un terzo. La quantità pro capite varia da paese a paese, di va dagli oltre 60 chili di un abitante del Qatar ai quasi 30 kg di uno statunitense, fino ai 7 kg di un brasiliano e ai 620 grammi di un africano del Mali.

 

Per dare una risposta al problema, l'Onu ha lanciato il progetto StEP che vuole promuovere il riutilizzo e il riciclaggio come pratiche sicure ed economiche e accrescere il ciclo vitale dei prodotti elettronici. Tra le soluzioni ci sono le campagne di informazione e sensibilizzazione, gli studi scientifici e la promozione di iniziative (come etichette più facili da leggere che spiegano il corretto smaltimento di ogni apparecchiatura).

 

In Italia, molto si sta facendo per sensibilizzare la popolazione, le scuole e i rivenditori allo smaltimento secondo normativa. Un decreto legislativo di quest'anno, il 49/2014, che recepisce la nuova Direttiva Europea prevede che tutti gli impianti di trattamento e i centri di stoccaggio, che gestiscono rifiuti elettrici ed elettronici, dovranno iscriversi al Portale del Centro di Coordinamento Raee (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche).

as