Biogas: l'Olanda investe 150 milioni di Euro sulle le mucche

I Paesi Bassi spenderanno 150 milioni per trasformare i bisogni delle mucche in biogas

WhatsApp Share

Gli agricoltori olandesi hanno ora la possibilità di trasformare il letame delle loro mucche in energia: un potere che non è un'idea nuova ma che di certo è molto importante per l'Olanda. Il paese, infatti, mira a far diventare il biogas una potente fonte di energia: per questo il Ministero dell'Economia olandese ha annunciato che spenderà 150 milioni di euro su questo progetto.

Nei Paesi Bassi, l'industria agricola è responsabile del 10% delle emissioni di gas a effetto serra per il paese: il metano proveniente dagli allevamenti comporta la maggioranza delle emissioni nocive.

Attraverso il programma del Ministero dell'Economia, i produttori di latte olandese potrebbero essere in grado di frenare tali emissioni, facendole confluire all'interno di digestori anaerobici, che trasformano il letame in biogas, grazie all'aiuto dei batteri. Mediante altri macchinari, inoltre, dal letame saranno anche estratti fosfati e nitrati che potranno essere usati dagli agricoltori come fertilizzanti.

Gli agricoltori potranno vendere il biogas per 12 anni a un prezzo fisso, che sarà pagato dal governo e questo gli garantirà un'entrata extra sul proprio reddito, oltre a energia per il proprio uso e consumo. Prima, il letame era solo un rifiuto che poteva essere usato come concime, ma dal momento in cui il governo olandese ha deciso di puntarci è diventato: chilowattora, soldi e metodo per diminuire le emissioni di gas a effetto serra.

Anche l'azienda FrieslandCampina, leader nell'ambito dei prodotti che partono dai latticini – e che acquista latte da 13.500 dei 17.000 produttori dei Paesi Bassi –, è alla base del progetto.

L'obiettivo olandese è che 1.000 grandi aziende agricole riescano a trasformare il letame in risorsa a tutto tondo, grazie a questo programma, nel giro dei prossimi quattro anni.