L'uragano contro la foresta

L'uragano Maria ha devastato l'unica foresta pluviale tropicale presente negli Stati Uniti

WhatsApp Share

El Yunque è una foresta pluviale che si trova sull'isola di Porto Rico ed è l'unica foresta tropicale gestita dal Servizio Forestale degli Stati Uniti. Purtroppo la notizia è che ha subito danni notevoli in seguito all'uragano Maria, che ha attaccato Porto Rico come una tempesta di Categoria 4.

Mentre Washington affronta le critiche per la sua apparentemente scarsa risposta alla disastro emergente umanitario, gli scienziati stanno cominciando a rivolgere la loro attenzione alla devastazione ecologica causata dal potente uragano. Bill McDowell, l'ecologista della Università del New Hampshire che ha guidato le missioni di ricerca in El Yunque per decenni, ha descritto sia la foresta nazionale che il centro della ricerca scientifica come «devastati». Tuttavia, la vita troverà un modo per rifarsi, visto che El Yunque dovrebbe essere abituata agli uragani che si scatenano sui Caraibi e dovrebbe riuscire a sopportare questa devastazione, dando ancora una volta un esempio delle sue capacità di recupero ecologico.

La foresta nazionale di El Yunque copre quasi 30.000 ettari nella regione nordorientale di Porto Rico e contiene un'ampia gamma di habitat, dalle foreste pluviali della pianura umida alle foreste più fredde nei pressi dei Monti Luquillo. Inoltre, ospita sedici specie di rane coqui, l'unica specie di pappagallo nativo di Porto Rico e un'ampia varietà di epifite, che sopravvivono tirando acqua dall'aria nelle fredde foreste nane delle montagne. La foresta nazionale è nota anche per le sue incisioni rupestri, conservate in maniera piuttosto unica dalle popolazioni indigene Taíno.

Queste foreste si sono sempre evolute per affrontare un clima così particolare e difficile, ma l'uragano Maria rappresenta davvero una sfida senza precedenti per l'ecosistema. I ricercatori vogliono essere ottimisti e dicono che la resilienza di questi luoghi gli permetterà di tornare a posto in sei, dodici mesi. Speriamo.