L'aria irrespirabile di Nuova Dehli

I medici responsabili hanno dichiarato l'emergenza sanitaria data dall'inquinamento atmosferico nella città indiana

WhatsApp Share

05 Dicembre 2017

A Nuova Delhi è emergenza nera: i livelli di inquinamento atmosferico sono talmente elevati nella città che il semplice respirare equivale a un consumo di 50 sigarette al giorno. L'Associazione Medica Indiana ha chiesto ai residenti di rimanere all'interno delle case per proteggersi dall'inquinamento. 

Il capo dei ministri Arvind Kejriwal ha descritto la città come «una camera a gas» e si è detto al lavoro, insieme ad altri funzionari, per trovare una risposta efficace per questa crisi. Intanto le scuole sono state chiuse e i trasporti sono stati rallentati a causa della riduzione di visibilità, provocando molto ritardi.

Come è noto, tra le sostanze chimiche nocive che lo smog contiene, le più distruttive sono le concentrazioni di polveri sottili inferiori a 2,5 micrometri, così piccole da riuscire a superare i filtri naturali del corpo umano. Queste polveri sottili – che includono il piombo, l'arsenico, il cadmio e il mercurio – a Nuova Delhi hanno raggiunto concentrazioni undici volte il livello definito sicuro dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Qualcosa di davvero terribile per i polmoni degli abitanti.

L'aria di Nuova Delhi è inquinata per gran parte dell'anno a causa dell'incenerimento dei rifiuti all'aperto, della polvere stradale, dello scarico dei veicoli e dei sottoprodotti dell'attività industriale. Tuttavia, l'aria diventa ancora più irrespirabile in inverno, quando i cambiamenti stagionali intrappolano l'inquinamento più vicino al suolo.

A questo punto, i tentativi che si stanno facendo includono il razionamento del traffico, la chiusura delle centrali elettriche locali e persino il divieto dei fuochi d'artificio durante la Diwali. Purtroppo, per affrontare veramente questo problema urgente, i governi locali, statali e federali dovranno esaminare i complessi sistemi che portano a questo tipo assurdo di inquinamento per scoraggiare le pratiche malsane e incoraggiare i buoni comportamenti.