Il cambiamento climatico è colpa nostra

Un report americano conferma che è l'uomo il responsabile del cambiamento climatico – checché ne dica Trump

WhatsApp Share

06 Dicembre 2017

Ben 13 agenzie federali sotto l'amministrazione di Trump hanno pubblicato un rapporto scientifico completo che afferma chiaramente che gli esseri umani sono la causa dominante del cambiamento climatico. Ciò può sorprendere, data la posizione repubblicana sulla questione. Il presidente Trump, infatti, ha definito il cambiamento climatico un trucco inventato dai cinesi e ha rimosso gli Stati Uniti dall'accordo di Parigi. Gli altri repubblicani si sono addirittura lanciati ad elogiare i combustibili fossili.

La pubblicazione di questo rapporto evidenzia quanto Trump e i suoi rimangano lontani dall'opinione scientifica mainstream, perfino da quella presente all'interno delle agenzie federali che sono sotto la loro direzione.

Il rapporto descrive i modi in cui i cambiamenti climatici hanno già influenzato il pianeta, compreso un aumento di temperatura di 1,8 gradi Fahrenheit negli ultimi 115 anni. Nella tendenza a lungo termine verso un pianeta più caldo, la responsabilità dell'attività umana è «inequivocabile» – così dice la relazione – poiché non vi è «nessuna spiegazione alternativa convincente» per il riscaldamento globale.

Ovviamente, l'amministrazione Trump e il Congresso repubblicano continuano a pensarla diversamente, nonostante l'autorevolezza di questo rapporto – che è l'ultima fase di un'analisi con mandato del Congresso nota come National Climate Assessment. Ogni quattro anni, infatti, centinaia di scienziati del governo e del mondo accademico compilano una relazione riveduta a livello internazionale che è considerata la dichiarazione più autorevole del governo degli Stati Uniti sulla scienza del clima.

Il fatto che l'amministrazione Trump abbia deciso comunque di non impegnarsi in un combattimento contro il cambiamento climatico e di ignorare qualsiasi informazione contraria alla sua opinione potrebbe avere conseguenze terribili in futuro.