Gli elefanti possono essere riconosciuti come persone da un tribunale?

Una causa in Connecticut sostiene di sì e combatte per il loro diritto alla libertà

WhatsApp Share

06 Dicembre 2017

È molto interessante l'approccio del gruppo Nonhuman Rights Project secondo cui tre elefanti di proprietà di uno zoo viaggiante del Connecticut dovrebbero essere visti come persone giuridiche agli occhi del tribunale e godere del diritto fondamentale alla libertà fisica, venendo collocati in un santuario per animali.

Beulah, Karen e Minnie sono tre elefanti di proprietà del Commerford Zoo e, in quanto tali, vengono sfruttati in corse, circhi, fiere, matrimoni, film e in quant'altro sia possibile immaginare la presenza di un elefante. Hanno tra i 33 e i 50 anni e lo zoo li possiede da almeno 30.

Secondo la NhRP, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha citato lo zoo più di 50 volte per non aver rispettato gli standard minimi della legge sul benessere degli animali. Le persone hanno descritto questi esemplari come malati o tristi. Per questo la NhRP ha intentato una causa con la Corte Suprema del Connecticut, chiedendo che gli elefanti vengano rilasciati nel santuario ARK 2000 della Performing Animal Welfare Society, dove il loro diritto alla libertà fisica sarà rispettato.

Il fondatore e avvocato di NhRP, Steven Wise, ha detto che il caso non riguarda il benessere degli animali, ma i loro diritti, che sono stati calpestati con una «violazione intrinsecamente crudele del loro diritto più fondamentale come elefanti». Wise ha detto: «Se i tribunali del Connecticut apprezzano veramente l'autonomia, come suggeriscono le precedenti sentenze, anche loro vedranno la situazione in questa luce e ordineranno la liberazione degli elefanti dalla prigionia».

Non tutti sono d'accordo con questa soluzione: secondo molti esperti dare una personalità giuridica agli elefanti rischia di attenuare questa definizione, danneggiando in qualche modo gli esseri umani più vulnerabili. Ma il punto della lotta rimane lo stesso: bisogna trovare un modo per aiutare gli animali in cattività, magari con leggi più estese sul loro benessere o con qualche altra soluzione.
Insomma, l'importante è farlo.