Giornata Mondiale sulla sindrome di Down, “per noi bisogni normali”

Le persone con sindrome di Down hanno le stesse esigenze di chiunque altro, non sono "bisogni speciali"

WhatsApp Share

Oggi, 21 marzo, è la giornata mondiale sulla sindrome di Down e l’hashtag scelto dalle organizzazioni internazionali è #notspecialneeds; questo perché i bisogni di queste persone sono “normali”, cose che nessuno definirebbe “speciali” al giorno d’oggi: parliamo di ricevere un'istruzione adeguata, trovare un lavoro, andare a vivere da soli.

In Italia sono circa 40mila le persone affette dalla sindrome; l’ero media è 25 anni. La condizione colpisce circa un nuovo nato su mille, ricorda l'Oms, e se all'inizio del '900 la sopravvivenza media era 10 anni ora circa l'80% dei malati supera i 50.

Nel nostro paese l’età media arriva ai 62 anni, infatti la medicina ormai è riuscita a correggere buona parte dei difetti cardiaci che spesso si manifestano in chi è affetto dalla sindrome.

"L'espressione "bisogni speciali" è un eufemismo molto diffuso per parlare delle persone con disabilità e delle loro necessità - ricorda Coordown, che riunisce le associazioni del settore -. Ma a guardare bene, le persone con sindrome di Down hanno le stesse esigenze di chiunque altro: studiare, lavorare, avere delle opportunità, far sentire la propria voce ed essere ascoltati. Certo, possono aver bisogno di un sostegno - che qualche volta significa assistenza vera e propria - ma questo non cambia la natura di quelle esigenze, cioè non rende "speciali" dei bisogni semplicemente umani. Una persona, per esempio, che necessita di aiuto nel parlare, nello scrivere o nell'essere capita ha la stessa esigenza di tutti noi, cioè quella di comunicare. La sola cosa differente è il grado di assistenza o il modo per soddisfare quel bisogno, non il bisogno stesso".

Alle Nazioni Unite, per questa occasione, verrà proiettato un film, intitolato proprio “Not Special Needs”. In oltre 30 città d'Italia, ad esempio, dal nord al sud l'Associazione Italiana Persone Down distribuirà delle piccole lattine con terra e semi di "Nontiscordardimè", che saranno offerti per aiutare a ricordare che le persone con sindrome Down ci sono e possono avere un ruolo attivo nella comunità.